SCHEDE DIRIGENTI DELLA SANREMESE

Qui di seguito sono riportate le schede dei dirigenti che si sono succeduti all'interno della società Sanremese. Il data-base è stato ottenuto grazie a Gerson Maceri ed il suo sito Sanrepedia grazie ad un lavoro minuzioso di ricerche storiche. L'elenco segue l'ORDINE ALFABETICO.

                           ( Cliccare sulle fotografie per ingrandirle )

                                            Alberto BALDISSERRI

Alberto Baldisserri Team Manager dell'Unione Sanremo (futura Sanremese) nella Stagione Calcistica 2016/2017 in Serie D.

                                                Franco BARLAAM

                                                   Andrea BERTA

Berta Andrea Team Manager dell'Unione Sanremo (futura Sanremese) nella Stagione Calcistica 2016/2017 in Serie D.

Gino BERTUCCO

Gino Bertucco

 Nato il 06/07/1937 a Buttapietra (Verona)

                                                 Gianni BOAZZO

Boazzo Gianni general manager della Sanremese nella Stagione Calcistica 1999/2000 in Serie C2.

BOERI

                                                BONIZZONI "Cina" Luigi

Fu direttore sportivo della Sanremese nella stagione 1985-86 in C1. In passato aveva diretto anche il Milan prima come allenatore con Gipo Viani, poi come direttore sportivo. Bonizzoni restò appena un mese a Sanremo, poi scomparve improvvisamente dalla scena.

 

                                                      CARAVELLI

                                             Nando CAROTENUTO

Bruno CAVALLO

Lo inseriamo nella categoria “dirigenti” perché, pur non avendo mai fatto parte ufficialmente dell’organigramma della Sanremese, è stato il tessitore della trattativa fra Borra e Sciolli per il passaggio della proprietà della società (estate 1984). Imprenditore artigiano, ex presidente del Macobi Asti, Cavallo era noto per essere stato l’uomo che, anni prima, aveva “soffiato” al Torino un giovanissimo Antognoni, valorizzandolo e girandolo per l’allora favolosa cifra di 750 milioni di lire alla Fiorentina. Da allora, cominciò a svolgere il ruolo di procuratore e “gran smerciatore” di giocatori, facendosi la fama di personaggio spregiudicato, non troppo ben visto nelle alte sfere federali. A conferma della sua importanza in seno alla Sanremese, ricordiamo che fu lui a portare il portiere Cannarozzi, il centrocampista Bergamo e gli attaccanti Picco e Barcanova a Sanremo in quella stagione di C1 1984-85. Tutti giocatori della sua “scuderia”. La sua presenza creò un turbine di polemiche attorno a Sciolli, il quale svelò solo successivamente l’aiuto di Cavallo, il quale per non attirare altre critiche si fece da parte.

Nino CELLONI

Fu nominato “caposezione” della disciplina calcistica in seno all’Unione Sportiva Sanremese l’11 dicembre 1929 dal Presidente Allaria.

                                         Salvatore CIARAMITARO

E' stato dirigente accompagnatore della Sanremese nella stagione calcistica 2010/2011 in Serie C2. Nella Stagione 2017/2018 in Serie D Ciarramitaro rientra nella Sanremese come Dirigente Generale e Responsabile dell'area tecnica della squadra.

                                              Franco CICOGNINI

                                             Antonino CONSIGLIO

Antonino Consiglio è stato il responsabile del Settore Giovanile dell'Unione Sanremo ( futura Sanremese ) relativa alla stagione di Eccellenza Ligure 2015/2016.

Marcello CORDONE

Emo CREMASCHI

                                         Goffredo D'ALESSANDRO

Alessandro DOLZAN

Nato a Vicenza il 10 dicembre del 1958, è stato Amministratore Delegato della Sanremese del dopo-Cavallo (2001-2003). Dolzan, insieme alla cordata di imprenditori sanremesi e a Cichero, ha rilevato, salvato e poi venduto una sana società di Serie D a Ruggieri.

                                        Dennis Benjamin ESPOSITO

Dennis Benjamin Esposito Direttore area tecnica nell'Unione Sanremo ( futura Sanremese ) relativa alla stagione di Eccellenza Ligure 2015/2016.

Pino FAVA

Fava Pino Responsabile Settore Giovanile nell'Unione Sanremo

( futura Sanremese ) relativa alla stagione di Serie D 2017/2018.

Stefano FERRARI

Introduzione: professione: preside scolastico, ora in pensione. Hobby: uno, estremamente impegnativo, di nome Sanremese. Di cui ha attraversato, da testimone diretto e privilegiato, più di un quarto di secolo della sua storia. Stefano Ferrari è un dirigente, a modo suo, unico nella storia del calcio.

Un “fedelissimo” della Sanremese dove entrò, come dirigente, a metà degli anni ’70. Da allora ha vissuto tappa su tappa la vita biancoazzurra senza mai, naturalmente, abbandonare la sua professione di preside nella scuola media cittadina “G. Pascoli”. Fallimenti, trionfi, cadute e resurrezioni: il “preside” non ha mai mollato. Dirigente, addetto stampa, ma soprattutto accompagnatore ufficiale: pur ricoprendo molti e diversi ruoli, è quasi sempre stato il braccio destro, l’uomo di fiducia di tutti i presidenti che si sono avvicendati alla Sanremese negli ultimi 30 anni. Perché? Semplicemente perché il “preside” era indispensabile. Soprattutto nella sua funzione, non dichiarata ma mai messa in discussione, di capo della diplomazia biancoazzurra.

Attività in seno alla Sanremese: a trattare con l’amministrazione comunale, con altri enti, con la Lega, con la stampa e con la Federazione era soprattutto lui. A mediare, in casi difficili, tra società e giocatori anche. Un abile tessitore di rapporti ed amicizie. Organizzatore infaticabile di trasferte, di percorsi fra ristoranti, alberghi, campi d’allenamento in lungo e in largo quando si stava in Serie C, nei limiti della provincia quando, ahinoi, il palcoscenico era solo la Terza Categoria. La sua passione per i colori biancoazzurri, però, lo ha reso resistente a tutte le burrasche societarie. Conoscitore attento delle norme federali, ha gestito quasi tutti i casi che, a livello di giustizia sportiva, hanno interessato la Sanremese. Quasi indispensabile in una società che, anche nei momenti di maggior fulgore, non ha mai assunto dimensioni “aziendali”, ma è restata sempre ad una dimensione “familiare”.

Il capolavoro della rinascita: addirittura fondamentale fu la sua azione nel 1987, quando la Sanremese sparì nel vortice del fallimento. Fu soprattutto lui a cucire, in quella difficile estate, in una città che aveva assistito indifferente al tracollo biancoazzurro, le file per la rinascita. Trascinando assieme, allo stesso tavolo, amministratori comunali, imprenditori, ex dirigenti, giocatori. Quella “Sanremese 1904”, squadra di Terza Categoria da cui si è snodata la cavalcata fino alla C2 degli anni recenti, fu un capolavoro della sua diplomazia

                                                     Fabio FICI

Vice-Presidente dell'Unione Sanremo ( futura Sanremese ) nella Stagione di Eccellenza Ligure 2015/2016 e in Serie D nella Stagione 2016/2017.

Giancarlo FOGLIARINI

FRATTINI

Giuseppe GALASSI

Ex giornalista del Guerin Sportivo, arrivato da Bologna, ricoprì la carica di Direttore Sportivo nella stagione 1978/1979. Fu al centro di una polemica feroce contro l’allenatore Fontana. Quest’ultimo, rimproverando Scaburri in allenamento, provocò l’ira di Galassi. E quasi vennero alle mani. Il presidente Borra, infuriato per lo screzio, silurò Galassi retrocedendolo al ruolo di “consulente esterno”. A fine stagione andò al Modena.

Fabrizio GAMBACORTA

Gambacorta Fabrizio Team Manager dell'Unione Sanremo (futura Sanremese) nella Stagione Calcistica 2016/2017 in Serie D.

Vito GRAGNANI

Fabio LAZZERINI

Lazzerini Fabio Responsabile Tecnico e Direttore Sportivo del settore giovanile dell'Unione Sanremo ( futura Sanremese ) relativa alla stagione di Serie D 2016/2017.

MASSAFERRO

Dino MIANI

Miani Dino, Dirigente della Sanremese a partire dalla Stagione Calcistica 2017/2018 in Serie D.

Eugenio MINASSO

Minasso Eugenio, ricopre la carica di  Responsabile rapporti esterni ed istituzionali a partire dalla Stagione Calcistica 2017/2018 in Serie D. 

Renè MORAGLIA

Giuseppe MUCCI

Ex giocatore senza acuti, ha avuto negli anni un compito spesso ingrato: preservare il terreno di gioco da un’uso indiscriminato dopo le piogge rovinose. Ma non solo: ha spesso ricoperto il ruolo di dirigente “addetto all’arbitro” nelle gare di campionato, come nella stagione turbolenta di C2 del 1999-2000. Nella stagione di D del 2002-2003, con l’avvento di Ruggieri, ricopre nell’organigramma il ruolo di economo.

                                                           NOVA

                                                Pierino OLIVIERI

Pierino Olivieri fu un Dirigente, accompagnatore della Sanremese negli anni '50. Fu inoltre una delle firme del giornalismo matuziano del tempo.

Dottor PARISI

                                               Walter PISSAVINI

Augusto PORZIO

Gianluigi REPETTO

Vincenzo REVERCHON

Al termine della carriera di calciatore, Reverchon intraprese quella di dirigente: dal 1972 al 1979 fu infatti direttore sportivo e tecnico in seconda del Juniorcasale (del quale fu allenatore titolare in più di un'occasione, tra il 1973 e il 1975 ), nel quale si occupava anche di ingaggi e cessioni. Nel 1979 passò alla Sanremese, dove ricoprì l'incarico di direttore sportivo fino al 1982, anno in cui diede le dimissioni. Subito dopo passò alla Pro Vercelli", dove ricoprì lo stesso incarico: rimase nell'organico dei piemontesi fino al 1984, quando tornò (sempre come direttore sportivo) al Casale.

                                                   Aldo RIVETTI

Rivetti Aldo, Amministratore delegato della Sanremese nella Stagione Calcistica 1999/2000 in Serie C2.

                                              Luciano SEMIGLIA

Semiglia Luciano, dirigente della Sanremese negli anni '70-'80.

Antonio SORANO

Il lato professionale. E’ stato l’uomo scelto dal Presidente Pianese per ricoprire la carica di responsabile dell’area tecnica nelle stagioni di Serie C2 2005/06 e 2006/07. Individua un punto focale nella sua biennale esperienza sanremese: “Il nostro errore (ndr: suo e di Pianese) è stato credere in un calciatore, Mosciaro, con fiducia cieca e il mio rimorso è quello di non essere riuscito ad intuire e trasmettere al presidente che colui che Pianese aveva trattato come un figlio in realtà si era imborghesito e non aveva alcuna forma di riconoscenza, nè nei confronti della maglia, nè di chi lo aveva valorizzato”. Voci di corridoio affermano che il Direttore Tecnico, al termine della stagione 2005/2006, abbia rifiutato offerte di 150mila euro da parte di Manfredonia e Lumezzane per il giovane attaccante messosi in luce con nove reti in campionato. In compenso il Presidente Pianese, per trattenerlo, gli aveva raddoppiato lo stipendio. 

Il lato umano. Si definisce una persona “gelosamente riservata”, un “uomo scomodo, mai banale, mai ruffiano”, e ancora “burbero, antipatico e scontroso”. Afferma di essere sempre stato “leale” con i tifosi, e “al loro fianco”.

Sergio SRICCHIA

Profilo biografico: nato a Trieste nel 1929, partì da Pola nel febbraio del 1947 per lavorare come operaio alla Pirelli di Milano. Qui ha iniziato a collaborare con il settimanale milanese “Record Sport”. Trasferitosi a Sanremo nel febbraio del 1952, è stato corrispondente di vari quotidiani sportivi, firmando fra gli altri per il “Corriere dello Sport”. Dal mese di febbraio del 1980 all’agosto del 1987 è stato segretario di redazione del settimanale “Guerin Sportivo” a San Lazzaro di Savena (Bologna), settimanale con il quale ha collaborato particolarmente per quanto riguarda la boxe, di cui è grande appassionato. Ritornato a Sanremo, è stato ancora corrispondente per l’Ansa Sport, il Corriere dello Sport / Stadio ed altri quotidiani.

 

Carriera dirigenziale nella Sanremese: è stato segretario della squadra biancoazzurra a metà anni ’50, gli anni della Serie C a girone unico, e nella stagione 1959/60 si impegnò per conto della Sanremese nell’organizzazione della rappresentativa del girone A di Terza Serie. Nella stagione di Serie D 1975/76, fu Direttore Sportivo della società, carica che ha ricoperto fino a fine stagione quando il Presidente Amato cedette la mano a Borra.

Flaviano TONELLOTTO

Agente immobiliare milanese d’adozione (è originario di Cavarzere, Venezia), è stato  calciatore delle giovanili dell’Inter e della Solbiatese. Architetto honoris causa, è proprietario dell’I.P.G. Immobil Prestige Group, ha tre figli da tre mogli diverse (l’ultima è Jeannine Kovoets), ed entra nel mondo del grande calcio nel 2005. Acquista il pacchetto azionario della Triestina (Serie B) proprio quando mancano poche giornate alla fine del campionato (20 maggio 2005), per un valore variabile da 3 milioni di euro se la squadra rimane in B, a 1,5 miioni di euro se la squadra retrocede in C1. A due gare dal termine della Serie B, Tonellotto propone alla squadra e allo staff medico e tecnico una inedita dieta macrobiotica, allo scopo di migliorare le prestazioni in campo, ed interviene sulle scelte tecniche di competenze dell’allora mister Tesser. Il tecnico ha un diverbio acceso con il Presidente: si sfiorano addirittura le dimissioni. La squadra, frastornata, perde a Perugia, e prima dell’ultima decisiva partita con il Pescara al “Rocco”, i giocatori chiedono al Presidente di evitare polemiche ed iniziative inutili, al fine di concentrarsi solo sulla gara. Il ricompattamento del gruppo paga: la Triestina vince con il Pescara e poi si salva ai play-out con il Vicenza con un doppio 2-0 all’andata e al ritorno. Lo spareggio-salvezza, vinto nonostante mille vicissitudini, sancisce la conclusione della trattativa: Tonellotto paga così il dovuto al proprietario Amilcare Berti, metà in assegni e metà in appartamenti a Trieste e Milano. In realtà, a detta del presidente Berti, gli appartamenti di Trieste non sarebbero mai stati ricevuti perché erano e sono tuttora in costruzione.  I progetti sono hollywoodiani: arrivare in Serie A vincendo tutte le gare, la costruzione di un centro sportivo per la prima squadra e le squadre giovanili, e la creazione di torri panoramiche allo stadio Rocco con cinema e ristoranti al loro interno, con tanto di presentazione alla stampa e sul sito web della Triestina. Nessuno di questi sogni verrà portato a termine. L’estate non trascorre tranquilla: molti allenatori rifiutano la panchina triestina, e infine il prescelto Calori non è una scelta né comoda né gradita (non ha il patentino ed è stato bandiera dell’Udinese). Tonellotto ha però l’asso nella manica: gli affianca Adriano Buffoni (icona a Trieste per aver condotto, dopo oltre 25 anni, stagione 1982/1983, la Triestina in serie B con una squadra davvero bella e travolgente) e si dota del supporto di Totò De Falco (il Maradona di Trieste, per essere stato capitano e capocannoniere proprio di quella Triestina targata Buffoni) in qualità di Direttore Sportivo. Il mercato è turbolento: arrivano in prova decine di giocatori, ma a metà Agosto la squadra è al completo. Salvo poi essere stravolta ben presto dopo la sconfitta in Coppa Italia con il Padova. Ma la squadra inizia bene il campionato di B, con un pareggio col Bologna e una vittoria sull’Avellino. Ma alla terza giornata, dopo una preventivabile sconfitta con l’Atalanta, arriva il primo scossone: Calori e Buffoni vengono cacciati. Le motivazioni? La scarsa attenzione del duo verso i suoi consigli e l’eccessiva libertà serale lasciata ai giocatori («sono dei puttanieri, andrò a scovarli anche in discoteca…»). In merito al match con l’Atalanta, poi, una marea di appunti da parte del Presidente: perchè è stato schierato Dino Baggio, nome nuovo del calciomercato estivo, quando lui aveva detto di non metterlo “perchè trattasi di un ex calciatore”? Perchè è stata schierata una formazione che puntava a non prenderle, quando “in queste tre partite avremmo dovuto fare nove punti”? All’esonero segue la cura Tonellotto: saranno lui, in tuta da ginnastica, il cognato Meneghin e De Falco a dirigere provvisoriamente gli allenamenti. In attesa che qualcuno firmi, per 40.000 euro,  il contratto di allenatore-prestanome sino a fine stagione. In tutto questo bailamme, è il capitano Denis Godeas ad ergersi contro Tonellotto: le sue imposizioni vanno oltre il lecito, e il bomber di Medea lo ammette nemmeno troppo candidamente davanti ai microfoni dei media. “Siamo in balia delle onde. Il Presidente pensa di fare tutto da sè, spero che qualcuno gli spieghi che così fa solo danni”. La tensione sale. Saranno infatti sette i giocatori ad andare fuori rosa in tutto (Pianu, Baù, Rigoni, Briano, Minieri, Galloppa e Godeas ) salvo poi essere reintegrati seppur pesantemente multati. La tifoseria biancorossa è infuriata soprattutto per l’esclusione del capitano e bomber Godeas, per il quale parte una crociata anti-Tonellotto persino su un quotidiano locale. Intanto le trattative per un nuovo mister giungono a conclusione: arriva Pietro Vierchowood. Tonellotto annuncia che si tratta di una persona che si sposa bene con i suoi principi, ma soprattutto che le formazioni d’ora in poi saranno redatte dall’allenatore collegialmente con lo stesso Presidente e De Falco. Ma all’orizzonte compare nuovamente un caso grottesco. Sabato 17 settembre, al “Nereo Rocco”, la Triestina ha giocato contro l’Albinoleffe: cinque tra giornalisti, collaboratori e fotografi del “Il Piccolo”, storico quotidiano della città giuliana, dicono di aver dovuto sborsare complessivamente 144 euro per potersi accomodare in tribuna stampa e svolgere la loro professione. Ma non è finita qui. La partita termina 1-1, a questo punto c’è da andare in sala-stampa per le consuete interviste post-novantesimo minuto. Ma all’ingresso della sala c’è una brutta sorpresa ad attendere i giornalisti, che si materializza nelle sembianze di due giganteschi body-guard: “Siamo spiacenti, ma il presidente ha detto che i cronisti del Piccolo non sono graditi”. Il motivo di tale ostracismo? “Il Piccolo non ha pubblicato un mio comunicato e quindi sono costretto a togliere gli accrediti ai suoi giornalisti”, parola di Tonellotto. E la fuga istantanea degli altri giornalisti, in segno di solidarietà, non tarda ad arrivare. Lo stesso Tonellotto è stato poi protagonista di un acceso confronto al “Processo di Biscardi” con Xavier Jacobelli, direttore di QS ed ex direttore di Tuttosport, Corriere dello Sport-Stadio e Il Giorno, il quale gli dice chiaramente che non sarà certo lui ad insegnare ai giornalisti del “Piccolo” come impostare il proprio giornale o come pubblicare i loro articoli. Tonellotto imperterrito rincara la dose, affermando di pretendere un compenso per le interviste rilasciate, considerando il rapporto con i giornalisti una perdita di tempo. E nel frattempo indirizza le sue ire anche contro arbitri e tifosi, attaccati con l’appellativo di “barboni”. Il primo mese del nuovo tecnico è positivo. Poi arrivano tre sconfitte consecutive (fra cui la batosta di Pescara, 5-1),  una vittoria con l’Arezzo e una nuova debacle col Vicenza. Per Tonellotto è troppo: altro esonero. Stavolta la colpa del mister è quella di schierare formazioni troppo prudenti, oltre al solito difetto di non seguire i consigli provenienti dall’alto (fra i quali quello di schierare Lima, difensore, nel ruolo di centravanti). Ma non basta, arriva anche un altro provvedimento: vengono dimezzati gli stipendi a tutti, tecnici, calciatori e pure ai magazzinieri, “per dare uno scossone alla squadra e far uscire le palle a chi non le ha”. La squadra viene così affidata provvisoriamente a De Falco, che ottiene una deroga mensile, a seguito del rifiuto a tornare di Calori. Ma un nuovo colpo di scena scuote la Triestina a metà dicembre: il nuovo allenatore sarà Vittorio Russo, un’icona del calcio giuliano, colui che portò il Ponziana a vincere lo storico derby del 1974 contro la Triestina, un tecnico federale apprezzato. La coppia De Falco-Russo porta la squadra a certi risultati apprezzabili, nulla di trascendentale, ma le prospettive di un tranquillo campionato, senza grossi patemi di retrocessione, sono alla portata. Il girone d’andata si chiude a 28 punti, nella zona medio-alta della graduatoria. Ma l’instabilità regna sovrana. Tonellotto annuncia il suo tentativo d’acquisto del Rijeka calcio (la squadra di Fiume),  ed accenna ad un programma di sinergia con la Triestina, una sorta di società sportiva transnazionale. Ma le trattative si chiudono senza risultato alcuno. Dichiara stizzito, infine, che lui tratta solo “con persone serie”. La presenza dell’imprenditore factotum in Tv si moltiplica, dal Processo di Biscardi, a Serie A di Bonolis, alla Domenica Sportiva: i motti, le massime, le convinzioni di Tonellotto colpiscono per quel tocco picassiano. Si ricordano frasi del tipo “Non mi ispiro a nessuno. Non credo che ci siano molte persone competenti. A casa mia se non lavori bene non solo non mi pagano, ma mi chiedono anche i danni. Questa è la logica giusta. Alcuni vogliono stravolgere questa logica. Molti presidenti di B non c’entrano nulla con lo sport e il calcio e fanno solo i faccendieri. Deve fare sport solo gente competente e seria. Con un bagno di umiltà il 50% dei problemi del calcio sarebbe risolto”; “I giocatori sono dei dipendenti. Noi diamo il 101%, loro sono solo dei viziati, capaci di chiedere soldi attraverso i procuratori. Devono essere dei seri professionisti e dimostrare l’attaccamento alla maglia”. Il mercato di gennaio è costellato più da ombre che da luci: arrivano Allegretti, Mignani, Erpen e Marchini, sì, ma partono Godeas, Baù , Rigoni, Del Nevo, Peccarisi, Albino, Pianu, Minieri. Soprattutto la cessione di Godeas al Palermo fa rifiatare le asfittiche casse sociali, ma crea un tumulto fra la tifoseria. Il progetto di azionariato popolare, lanciato dallo stesso Tonellotto, naufraga: vengono raccolti solo 20.000 Euro. E  crolla anche il numero dei presenti al “Rocco”. Ma la prima di ritorno vede la Triestina annichilire il Bologna, riaccendendo le velleità di raggiungimento del sesto posto. Velleità, appunto: vane speranze. Iniziano inoltre ad affiorare problemi economici-giudiziari per il Presidente: il 2 febbraio si dimette dalla carica (pur restando proprietario) per una condanna non del tutto scontata per bancarotta fraudolenta del 1995 (2 anni e 2 mesi), la quale lo inibiva a ricoprire cariche all’interno di qualsiasi società. Il nuovo Presidente nominato è la moglie olandese Jeannine Koevoets. Il 4 febbraio, nella partita interna con la Cremonese persa 1-3, la contestazione dei tifosi si infiamma, con numerosi striscioni contro Tonellotto e lo sciopero del tifo per 10 minuti. Il risultato è un nuovo ribaltone: via Russo, ecco arrivare Andrea Agostinelli, dalla scuderia della Gea. Ma tiene banco ancora la questione societaria. Tonellotto e la Triestina vengono deferiti dalla Commissione Discipinare della Figc perché l’immobiliarista ha ricoperto cariche societarie nonostante la condanna suddetta.  Si ipotizza una penalizzazione, ma la Commissione decide infine per una multa alla società di 50.000 euro e per l’interdizione a Tonellotto di ricoprire cariche societarie e federali fino al marzo 2008. Il 3 marzo, dopo un controllo fiscale alla società alabardata, scatta la richiesta di chiarimenti per l’acquisto di immobili ed hotel da parte del club, e parallelamente per il trasferimento di soldi  dalle casse biancorosse a quelle di un’altra società dell’ex Presidente Tonellotto. Il Tribunale Civile di Trieste, ascoltando la neo Presidente Jeannine Koevoets decide, dopo tre ore di camera di consiglio, di commissariare la Triestina. Tonellotto viene anche denunciato dal Comune di Trieste, per aver dichiarato il falso all’inizio della sua avventura giulana: disse di non essere mai stato coinvolto in guai giudiziari precedentemente, mentre in realtà aveva già fatto fallire due società immobiliari negli anni ’90. Il 10 aprile 2006 finisce l’incubo della Triestina. La famiglia Fantinel rileva la squadra, che si salva tutto sommato senza patemi, e dice addio all’imprenditore spregiudicato che l’aveva portata sull’orlo del fallimento. Ma dopo nemmeno un anno e mezzo, Tonellotto riappare nel mondo del calcio. Tramite Gullo, osservatore del Milan per il ponente ligure, porta a termine l’acquisto della Sanremese (Serie D) nell’agosto del 2007. Le altre squadre sono già in ritiro da un mese, ma l’imprenditore non lesina promesse: “Lotteremo per la C2 fin da subito. L’obiettivo è giungere in Serie B in 5 anni. Chievo e Albinoleffe hanno dimostrato che con la programmazione tutto è possibile”. Visti i recenti problemi giudiziari, lascia a Gullo la presidenza (inizialmente ad interim), andando a ricoprire il ruolo di Consulente Generale, e di Responsabile dell’Area Commerciale e Personale. La squadra, fra alti e bassi, si mantiene a metà classifica. Ma a fare notizia è sempre lui. Il 27 ottobre, patron Tonellotto viene aggredito nei pressi dello stadio comunale di corso Mazzini, da un ultra’ della Triestina, che gli ha dato una sberla strappandogli la camicia, al culmine di una violenta discussione dovuta (a detta dell’aggredito) a promesse non mantenute. ‘Ho assunto Giorgio (questo il suo nome, ndr) quando ero ancora nella Triestina – spiega Tonnellotto – Gli avevo affidato piccole mansioni, tipo accompagnare i ragazzi in giro o badare al magazzino, visto che aveva bisogno di lavorare. Malgrado fosse diffidato, come tifoso, parlai con il Questore e la polizia, garantendo per lui. Tuttavia, quando mi sono trasferito a Sanremo, lui ha perso il lavoro e quelle poche volte che l’ho incontrato mi ha sempre domandato del denaro. Io l’ho sempre accontentato, visto che non sono i cento euro in piu’ o in meno che fanno la differenza. Nel weekend, poi, lo avevo anche invitato a Sanremo ad assistere al match con l’Alessandria”. Prosegue Tonellotto: ‘Gli ho detto di scendere a Sanremo con un mio amico imprenditore che dovevo incontrare nel fine settimana. Ieri sera abbiamo cenato tutti assieme questo mattina, quando l’ho visto arrivare ed ho capito l’antifona, ovvero che voleva chiedermi dei soldi, ne e’ nata la discussione. Poi, mi sono allontanato. Lui e’ andato al bar dello stadio, ha iniziato ad inveire nei miei confronti e quando mi sono affacciato, ha cominciato a darmi del ‘bastardo’ e del ‘delinquente’, dicendo che non avevo mantenuto le promesse. Bel ringraziamento dopo tutto l’aiuto che gli ho dato. Domani lo querelero”. Intanto a metà novembre la squadra protesta. Lo fa vigorosamente, con il sostegno della tifoseria. I giocatori dichiarano di non avere ancora percepito alcun rimborso spese da agosto. Dopo l’ennesime promessa non mantenuta da Tonellotto, l’intero gruppo della prima squadra fa le valigie. La Sanremese rimane con la squadra juniores e pochi altri elementi. Intanto si dimette l’allenatore Biffi, che dice di vantare crediti per 60.000 euro fra stipendi non pagati e contanti immessi nella società, e si dimette anche il Presidente Gullo, accusato da Tonellotto di avere falsificato alcuni documenti. Il dirigente accompagnatore Fameli rincara la dose, vantando anch’egli crediti e accusando l’imprenditore di non aver speso un euro dal suo arrivo a Sanremo. Nuovo presidente della Sanremese diventa Carlo Barillà, già alla guida dell’altra società calcistica cittadina, la Carlin’s Boys, e addentro alla politica matuziana. Sarà lui il nuovo braccio destro di Tonellotto, il suo nuovo “complice” come avranno modo di dire più volte i tifosi più accesi. Tonellotto intanto, con l’arrivo delle prime pesanti sconfitte, si defila, ma la contestazione monta, con l’esposizione di uno striscione che reca la scritta “Tonellotto vattene e chiedi scusa” in casa e in trasferta. Anche i cori si fanno acidi e la situazione a fine 2007 è pesantissima: la società è in vendita, ma il milione di euro di debiti prodotti dalla gestione Tonellotto dovranno essere ripianati da un eventuale nuovo acquirente. Manco a dirlo, pare che il credito di 350 mila euro che l’ex presidente della Sanremese Pianese vanta nei confronti di Tonellotto per la vendita delle quote societarie, non sono stati mai pagati.


Francesco "Titti" TUDINI

                                                  Emiliano VACCARI

Emiliano Vaccari Segretario Generale dell'Unione Sanremo

( futura Sanremese Calcio ) nella Stagione calcistica 2016/2017 in Serie D.

Giuseppe VALENTINO

Ex segretario dell’US Sestri Levante, viene portato a Sanremo dal Presidente Ruggieri nel 2003. Prima di approdare ai corsari genovesi e in Riviera, però, ha fatto gavetta negli ambienti difficili (all’epoca) dell’US Lavagnese 1919, quando era in Promozione, per poi cadere rovinosamente in Prima Categoria. E’ stato per diversi anni Vicepresidente dell’Associazione Italiana Allenatori Calcio della sezione di Chiavari. A Sanremo ha ricoperto il ruolo di segretario generale fino all’autunno 2005. Poi ha seguito il Presidente Ruggieri nell’avventura a La Spezia.

Massimo VARINI

Nato a Reggio Emilia il 9 aprile del 1952, Varini è stato per una stagione e mezza il consulente di mercato della Sanremese in C2 (estate 2004 – autunno 2005). Nella stagione precedente, a Sassuolo come Direttore Sportivo, ha costruito dal nulla una squadra ad una settimana dal ritiro, prima del campionato di Serie C2 girone A. Dopo i primi risultati negativi, ha effettuato dei correttivi, vincenti, ed alla fine il team neroverde ha conquistato una roboante salvezza. Varini è un uomo che ama lavorare nella tranquillità,  che odia “l’ambiente esterno quando scettico e troppo critico”.  Comunque, “ha un carattere particolare, con le critiche si esalta, e quando la squadra viene bersagliata si carica ancora di più, trovando in sè maggior forza”. Il suo credo è il lavoro, perchè “pretendere dei risultati immediati è assurdo, magari arrivassero, ma nel calcio i miracoli sono davvero molto rari. Per ottenere dei risultati bisogna solo lavorare seriamente”. Dopo l’esperienza sanremese, breve parentesi a Spezia (dove segue Ruggieri) prima del ritorno in Emilia alla Reggiana.

                                                  Fabio VIGNAROLI

Fabio Vignaroli è stato il Direttore Sportivo dell'Unione Sanremo

( futura Sanremese Calcio ) nella Stagione calcistica 2015/2016 in Eccellenza Ligure.