CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIR. A  DODICESIMA GIORNATA)

                                       PROSSIMO INCONTRO 

                       Chieri - Domenica 17/11/2019 - ore 14:30

                     CHIERI                                           SANREMESE


                   COPPA ITALIA  SERIE D - OTTAVI DI FINALE

                   Inveruno - Mercoledì 13/11/2019 - ore 15:00

                INVERUNO  2                                     SANREMESE  2

                                        5-7 ( dopo i calci di rigore )


La Sanremese supera l’Inveruno 5-3 ai calci di rigore e accede ai quarti di finale di Coppa Italia di serie D dove incontrerà il Seravezza che ha battuto, a sua volta, dopo i tiri dal dischetto il San Donato Tavarnelle. I tempi regolamentari si erano chiusi sul 2-2. Per due volte in vantaggio con due gol dei difensori centrali Gagliardini e Manes, nati entrambi sugli sviluppi di un calcio d’angolo, i matuziani si fanno riprendere dai padroni di casa in pieno recupero. Ma la beffa si consuma solo in parte, perché come contro il Savona i tiri dagli undici metri sorridono ancora una volta alla squadra di Ascoli. Ma veniamo alla cronaca della gara. Nel primo tempo il match si sblocca al 14′. L’azione matuziana nasce dalle retrovie: lancio di Manes, Gatelli in copertura su Lo Bosco si fa prendere in velocità e di testa regala un corner ai matuziani; dalla bandierina calcia Bellanca, nell’area piccola Nacci esce a vuoto e sul secondo palo per Gagliardini spingere la palla in rete di testa a porta vuota è un gioco da ragazzi. Inveruno – Sanremese 0-1! Il pareggio dei padroni di casa matura neanche dieci minuti dopo: Scarella commette fallo su Scaglione, punizione dal vertice dell’area di Lillo che Morelli devia in corner; dalla bandierina De Maria mette in mezzo e l’opportunista Vai pareggia. Nella prima frazione da segnalare anche un gol annullato a Lo Bosco per sospetta posizione di fuorigioco e un destro al volo di Greco che Morelli blocca senza problemi. Ad inizio ripresa la Sanremese ci prova subito con una punizione di Demontis che Macci devia in corner. Il portiere dei gialloblù si ripete al 57′ quando disinnesca in angolo un rasoterra da fuori di Likaxhiu. Il gol è nell’aria e arriva puntuale al 61′. Rankovic perde un pallone sanguinoso a metà campo, pallone deviato in angolo da De Maria. Dalla bandierina calcia Spinosa, Manes è ben appostato nell’area piccola e insacca. Sanremese di nuovo avanti per 2-1! L’Inveruno non ci sta e, tre minuti dopo, Stronati pareggia di testa sfruttando un assist su punizione di De Maria, ma l’arbitro Iacobbelis di Pisa annulla su segnalazione del guardalinee. I gialloblù vanno di nuovo vicini al 2-2 al 70′ con Geraci che da due passi non riesce ad appoggiare in rete una rasoiata di Lillo sporcata da un intervento di Morelli. La Sanremese risponde con Lo Bosco che al 73′ calcia alto sopra la traversa da buona posizione dopo un cross di Scarella. L’attaccante siciliano si fa vedere ancora qualche minuto dopo con una conclusione dal limite che Macci salva in corner. I padroni di casa spingono, un tentativo di Broggini si perde a lato. Quando la gara sembra ormai destinata a concludersi, in pieno recupero, accade quello che non ti aspetti. Prima viene espulso Gatelli al 92′ per doppia ammonizione. Poi, sugli sviluppi di un calcio di punizione a favore, i matuziani perdono palla e accade il patatrac: Stronati va via in contropiede, Broggini trova lo spiraglio giusto per Vai che non sbaglia e fa secco per la seconda volta Morelli. Sul 2-2 arriva il triplice fischio dell’arbitro. Si va ai rigori. Dal dischetto i matuziani sono implacabili. Segnano Taddei, Colombi, Demontis, Spinosa e Scalzi. Broggini invece si fa parare la conclusione da Morelli e dà un dispiacere ai suoi. Passa la Sanremese, l’Inveruno saluta la manifestazione tricolore. Ora ai quarti c’è da superare il Seravezza per continuare a coltivare il sogno di alzare al cielo la Coppa.

 CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIR. A (UNDICESIMA GIORNATA)

                   Sanremo - Domenica 10/11/2019 - ore 15:00

               SANREMESE  4                                      LIGORNA  2


Altra gara casalinga, dopo il pareggio della settimana scorsa, per la Sanremese di mister Ascoli, oggi non presente in panchina a causa della squalifica che lo terrà fermo per un altro turno di campionato. A sostituirlo, il suo vice Roberto Correale. Gli avversari sono quelli del Ligorna, squadra genovese che da 4 anni lotta per la salvezza in Serie D, dopo aver raggiunto la promozione nel 2015/2016. Attualmente navigano nelle zone basse della classifica, in zona playout, e per loro una vittoria sarebbe importante per cercare di uscire dall’incubo retrocessione. Dall’altra parte la Sanremese dovrà cercare a tutti i costi i tre punti per riacciuffare le zone alte, o addirittura, risultati delle altre permettendo, il primo posto. Dopo una fase di studio, la Sanremese trova subito il vantaggio all’11’ con un’ottima ripartenza, guidata da Demontis, che manda la sfera in avanti per Colombi, che la appoggia elegantemente per il solito Pippo Scalzi; il numero 27 supera l’ultimo difensore in velocità e appoggia il pallone dentro la rete. Quinta rete in campionato per il gioiello prodotto dal vivaio biancoazzurro. 1-0 SANREMESE! Al 18’ dopo un calcio d’angolo, Spinosa corre sulla destra e mette il pallone sul secondo palo per Colombi: la punta non insacca per questione di centimetri. Ma qualche istante dopo, al 20’, un pasticcio della difesa genovese favorisce l’inserimento di Scalzi, che dribbla i difensori e il portiere e insacca indisturbato: 2-0 SANREMESE! DOPPIETTA DI PIPPO SCALZI! Il Ligorna prova a rientrare in partita, ma le azioni della squadra biancoblu sono frettolose e imprecise. Caruso tocca pochi palloni e la difesa matuziana lavora in modo molto ordinato. I padroni di casa sfruttano molte ripartenze e cercano di accrescere il vantaggio, ma il primo tempo si chiude sul 2-0. Il secondo tempo inizia subito in modo frizzante per la Sanremese, che con un colpo di testa di Manes sfiora il gol del 3-0. Il pallone sbatte sul palo esterno. Tra le fila della Sanremese è molto insistente Spinosa: il numero 10 si trova varie volte in posizione interessante per l’assistenza dei compagni o è comunque il “regista avanzato” della squadra matuziana, con i suoi scatti fulminei a rientrare sulla sinistra. Al 57’ il numero 5 dei levantini Gallotti sventa un gol già fatto dopo un cross basso di Spinosa. Un coraggioso intervento che tiene a galla gli ospiti. Già da molto tempo la Sanremese stava tenendo il campo e la terza rete era nell’aria: arriva al 66′, con il ritorno al gol del bomber Matteo Colombi che, su assist di Demontis, supera di giustezza il portiere ospite Bulgarelli. 3-0 SANREMESE! Un minuto dopo il Ligorna prova a riaprire il match con la rovesciata di Mancini, ma il guardalinee alza la bandierina del fuorigioco. Al 77’ il Ligorna crea un’azione molto interessante e il numero 2 genovese Danovaro tira sul portiere. Ma due minuti dopo, su un retropassaggio errato di Gerace, complice un’incomprensione con Caruso, il numero 9 Kacorri si avventa sul pallone e segna il 3-1. La Sanremese, inaspettatamente, si complica la vita: due minuti dopo, Bregliano atterra in area un giocatore del Ligorna e l’arbitro Bullari di Brescia assegna il calcio di rigore: sul dischetto si presenta Kacorri, che segna la sua personale doppietta; Caruso aveva intuito la traiettoria e aveva anche toccato il pallone, ma la sfera scivola ugualmente dentro la rete. Una partita già chiusa si riapre a dieci minuti dalla fine. L’ultimo spezzone di gara è incandescente: il pallone impiega circa 2 minuti per essere giocato dopo l’uscita dal campo di Bregliano per infortunio. Ma la tempesta si chiude con un meraviglioso epilogo: al 93’ Pippo Scalzi segna un meraviglioso gol, il settimo in campionato ma, soprattutto, il terzo in partita, quell’evento che noi chiamiamo tripletta e che in Inghilterra viene identificata da tutti come Hat-trick. 4-2 SANREMESE!!!!! I biancoazzurri vincono meritatamente una partita scoppiettante, che per 80 minuti non è mai stata in discussione e che si è letteralmente infiammata nei minuti finali, tra proteste dei tifosi, richieste di recupero prolungato e un gol meraviglioso di Pippo Scalzi che lo conferma come uno dei giocatori più in forma del campionato. La Sanremese si porta al primo posto in classifica insieme a Prato, Caronnese e Casale. La prossima sfida per i biancoazzurri sarà il mercoledì 13 contro l’Inveruno, valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia Serie D.

             Articolo pubblicato su SanremoNews  il 06/11/2019.

Mano pesante del Giudice Sportivo sulla Sanremese, che ha fermato il difensore Alex Gagliardini e il tecnico Nicola Ascoli. Il difensore, espulso con il rosso diretto domenica scorsa contro il Ghivizzano, dovrà saltare il match contro il Ligorna. Per il tecnico saranno due le giornate di squalifica, espulso dalla panchina per doppia ammonizione.

 CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A ( DECIMA GIORNATA )

                   Sanremo - Domenica 03/11/2019 - ore 15:00

               SANREMESE  1                                    GHIVIZZANO  1


Dopo il recupero infrasettimanale vinto in casa contro il Borgosesia, la Sanremese è pronta ad affrontare un’altra avversaria diretta al Comunale: il Ghivizzano. Con una vittoria, i ragazzi di mister Ascoli possono avvicinarsi sempre di più alla Fezzanese al primo posto e alle zone altissime della classifica, ma i toscani, trovandosi ad un solo punto dai matuziani e avendo a propria disposizione il capocannoniere del campionato Lucatti, con nove gol all’attivo, non sono assolutamente da sottovalutare. Il match inizia subito a ritmi elevati e la Sanremese effettua un pressing alto per bloccare l’impostazione dei biancorossi: al quinto minuto i biancoazzurri guadagnano palla sulla trequarti avversaria e Scalzi prova la soluzione solitaria: di poco alta. Risponde un minuto dopo il Ghivizzano con il tiro di Borgia che finisce alla destra di Caruso. Al 9’ ci prova di nuovo Scalzi, che manda il pallone all’angolino, ma il portiere Signorini blocca con sicurezza a terra. Al 10’ c’è un’altra ripartenza biancoazzurra: Spinosa serve sulla corsa Colombi che incrocia col sinistro: la palla va fuori dando l’illusione del gol. Al 12’ il numero 10 toscano Nottoli si addentra in area e nell’area piccola tira verso la porta di Caruso, ma la sua conclusione è velleitaria e finisce tra le braccia del portiere. Qualche minuto dopo sempre pericolosi gli ospiti con un appoggio sulla sinistra di Nottoli per Benedetti che cerca il colpo da biliardo; Caruso afferra la sfera. Ma l’azione più pericolosa arriva su una ripartenza della Sanremese: è il 18′ quando Scalzi colpisce di tacco per Demontis, che parte veloce fino alla trequarti e serve di nuovo il numero 27, ormai in area: l’ala tira basso e preciso, ma Signorini si fa trovare pronto e sventa la minaccia. Dopo un lungo periodo in cui le squadre si studiano a centrocampo, al 25′ si fa rivedere in avanti il Ghivizzano con Nottoli, che tira potente all’angolino basso alla destra di Caruso, ma il portiere matuziano si supera e smanaccia in calcio d’angolo. Al 32’ la Sanremese trova il gol del vantaggio: Colombi tira la punizione dal limite, ribattuta dalla difesa ospite; Taddei aggancia al volo il rimpallo e serve Scalzi sulla destra: il numero 27 con una serie di dribbling manda al bar la difesa avversaria e da solo batte il portiere con un preciso piatto, imprendibile anche per Borgia, che aveva tentato il salvataggio sulla linea. 1-0 SANREMESE! Al 37’ ripartenza sanguinosa dei Leoni biancoazzurri: Demontis parte solo verso l’area di rigore, aspetta i compagni e l’appoggia verso Spinosa, che la mette al centro, dove una deviazione del difensore avversario impedisce a Demontis di metterci il piede e portare i padroni di casa sul doppio vantaggio. Il primo tempo finisce senza altre azioni degne di nota, a parte qualche incursione di Spinosa e qualche ottimo recupero di Demontis e Fenati. Nella seconda frazione il copione della gara è molto simile, ma non ci sono molte azioni interessanti, regna il nervosismo. Dopo una metà di secondo tempo piuttosto soporifera, su calcio d’angolo al 71’ Gagliardini sulla linea di porta non insacca la palla del raddoppio per questione di centimetri.  Al 77’ la Sanremese va in 10 per l’espulsione di Gagliardini, che interviene duramente su una ripartenza del numero 7 del Ghivizzano Fomov. Nei minuti finali a spingere di più è il Ghivizzano, che cerca la rete del pareggio: l’azione più interessante arriva dal pericoloso tiro in area del bomber Lucatti, ma Caruso prende la sfera. Cosa che purtroppo non succede al minuto 87′ quando dalla sinistra arriva il cross al centro del terzino toscano Brusacà e il numero 9 dei biancorossi, Lucatti, a porta sguarnita, non sbaglia. Sanremese – Ghivizzano 1-1. All’89’ viene espulso anche l’allenatore Ascoli per proteste. La Sanremese porta a casa solo un punto e lo fa per via di una gara nervosa e tesa, recriminando le troppe occasioni sprecate che sicuramente avrebbero potuto portare ad un esito diverso, soprattutto in chiave promozione: infatti, i rimpianti aumentano, pensando che con una vittoria i Matuziani avrebbero potuto raggiungere il primo posto in classifica. Appuntamento a domenica prossima con un altro impegno casalingo: al Comunale sarà di scena il Ligorna.

 CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A ( OTTAVA GIORNATA )

                                           ( RECUPERO )

                   Sanremo - Mercoledì 30/10/2019 - ore 16:00

               SANREMESE  1                                  BORGOSESIA  0


Con una gol allo scadere del primo tempo di Gagliardini la Sanremese piega la resistenza di un ottimo Borgosesia e aggancia nuovamente le zone alte della classifica. Ora i biancoazzurri sono a due punti dalla vetta occupata dalla Fezzanese e mettono pressione alle inseguitrici Prato e Chieri. La gara è stata ben giocata da entrambe le squadre. I matuziani, privi degli infortunati Manes e Lo Bosco, hanno voglia di riscattare prontamente la sconfitta di Casale. Il Borgosesia, reduce dalla vittoria casalinga con il Prato, vuole continuare a stupire e si presenta in campo con un atteggiamento sbarazzino. L’incontro è vivace fin dalle prime battute. Passano cinque minuti e gli ospiti si fanno vedere subito in attacco: Castelletto con un taglio intelligente pesca in profondità Muzzi, ma la conclusione del numero 9 granata trova pronto alla deviazione Caruso che salva la sua porta. Rapido capovolgimento di fronte, e anche la Sanremese va vicina al gol con una pregevole azione personale di Scalzi: l’esterno entra in area dalla destra e calcia, Galli si tuffa e manda in angolo. I ritmi sono vertiginosi e fioccano le occasioni con il passare dei minuti. Al 13′ un incontenibile Scalzi mette un paio di palloni deliziosi dalla destra, ma prima Colombi, poi Demontis non riescono a trovare la deviazione vincente. Due minuti dopo, su cross di Demontis, ancora Colombi di testa non inquadra il bersaglio.La Sanremese, cattiva e determinata, insiste. Quello dei biancoazzurri è un autentico monologo. Al 25′ Pici, con un destro insidioso dal limite, impegna severamente Galli, il portiere del Borgosesia con un colpo di reni mette in corner. Un minuto dopo Galli è di nuovo decisivo su Scalzi. Al 31′, invece, l’estremo difensore ospite è bravissimo a chiudere lo specchio a Spinosa: il numero 10, servito da un lancio calibrato di Gagliardini dalle retrovie, supera Iannacone sulla fascia in velocità, entra in area, ma calcia su Galli che respinge di piede. Al 32′ un’altra conclusione velenosa di Colombi termina fuori di poco. Il Borgosesia si fa vedere solo nel finale con il suo elemento più pericoloso, Ramon Muzzi. L’attaccante colpisce il palo al 42′ con un tiro dal limite, sul quale Caruso in ogni caso in tuffo dà la sensazione di poterci arrivare. Proprio quando tutti aspettano di andare negli spogliatoi per l’intervallo, la Sanremese pesca il jolly su calcio d’angolo: è il 44′ quando Gagliardini si libera in area del suo marcatore e, sullo spiovente di Demontis che arriva dalla destra, trova lo spazio giusto per battere di destro Galli. Esplode il Comunale, il vantaggio dei matuziani è più che meritato. Il Borgosesia non ci sta e un minuto dopo sfiora l’immediato pareggio con Muzzi che di testa, sugli sviluppi di un corner, fa venire i brividi a Caruso. La sua conclusione termina sul fondo per questione di centimetri. La ripresa si apre con un’altra occasionissima per la Sanremese: è il 48′ quando Saltarelli strattona vistosamente in area Colombi. Il rigore sembra netto a tutti, ma l’arbitro Pezzopane concede il vantaggio, e non assegna il penalty. Sono attimi concitati, davanti alla porta del Borgosesia si accende una mischia: Scalzi tira, la difesa ribatte due volte, le proteste dei biancoazzurri sono vibranti. La giacchetta nera, incredibilmente, fa cenno che si può proseguire. La partita si incattivisce. Al 55′ è il Borgosesia a protestare per un sospetto tocco di mano in area di un giocatore della Sanremese. Anche in questo caso Pezzopane non se la sente di intervenire. Nella fase centrale del secondo tempo il tecnico granata Didu inserisce prima Matera e poi Cirigliano per dare nuova linfa ai suoi, ma il più efficace sotto porta resta sempre Muzzi. L’attaccante si fa vivo ancora tra il 67′ e il 71′, ma Caruso è attento e sventa la minaccia. Al 75′ Ascoli fa uscire Spinosa e getta nella mischia l’ex di turno Vitiello. L’attaccante si sacrifica sulla fascia, in un lavoro di raccordo tra centrocampo e attacco per dare una mano ai suoi. Il Borgosesia fa girare la palla, sperando di trovare lo spiraglio giusto, ma la Sanremese chiude tutti varchi. Anzi, i biancoazzurri si fanno vedere ancora in attacco prima dello scadere con Scalzi e Colombi. In particolare la conclusione su punizione all’86’ del centravanti di Broni avrebbe meritato miglior sorte. Il suo bolide sibila vicino al montante della porta difesa da Galli. Dopo quasi cinque minuti di recupero, arriva il triplice fischio del signor Pezzopane. Sanremese-Borgosesia finisce con la vittoria di misura dei biancoazzurri. Tre punti di platino, che confermano il grande carattere di questa squadra. Domani i matuziani riprendono subito gli allenamenti: c’è da preparare la gara di domenica con il Ghivizzano. Un altro appuntamento da non perdere per continuare a sognare.

  CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A ( NONA GIORNATA )

                      Casale - Domenica 27/10/2019 - ore 15:00

                  CASALE  2                                        SANREMESE  1


La Sanremese cade di misura a Casale. Il 2-1 premia i nerostellati, autori di una buona prova, ma i biancoazzurri, nonostante l’inferiorità numerica per l’espulsione di Bregliano, hanno cercato fino al termine di trovare il pareggio e, dopo il gol del 2-1 di Colombi, in pieno recupero, hanno colpito anche un palo interno clamoroso con Gagliardini a portiere battuto. Aria d’alta classifica al “Palli”. Di fronte due compagini ricche di storia e che ambiscono, secondo la maggior parte degli addetti ai lavori, a disputare una stagione importante. Il Casale, reduce dal pareggio con il Real Forte Querceta, è alla seconda consecutiva in casa. Assenti per infortunio Todisco e Fabbri. Il centrocampista Vecchierelli raggiunge il traguardo delle 50 presenze con la maglia del Casale. Tra i biancoazzurri Manes non ce la fa e va in tribuna insieme con il lungodegente Lo Bosco. Ascoli non rischia tra i pali Caruso, non al meglio: dal primo minuto c’è Morelli. Il Casale comincia all’attacco. Il primo pericolo i nerostellati lo costruiscono al 5’: cross dalla sinistra di Coccolo, testa di Poesio, la palla termina sul fondo. La Sanremese risponde al 15’ con un colpo di testa di Pici che, sottomisura, sugli sviluppi di un corner, non riesce ad inquadrare il bersaglio. La gara si sblocca al 18’. Taddei atterra in maniera irregolare ai 25 metri Coccolo: cartellino giallo per il capitano matuziano e calcio di punizione per il Casale. Sul piazzato Di Lernia indovina la parabola giusta e batte l’incolpevole Morelli. Per il centrocampista nerostellato è il terzo centro di fila. Casale in vantaggio e Sanremese che subisce gol dopo sei partite, tra campionato e coppa, concluse mantenendo la porta inviolata. Al 31’ Scalzi, con una serpentina delle sue, guadagna una pericolosa punizione dal limite. Cintoi, l’autore del fallo, rimedia un cartellino giallo. Demontis, servito da Spinosa, cerca la conclusione rasoterra, ma il suo tiro viene rimpallato dalla barriera. Due minuti dopo a centrocampo Coccolo va via e viene steso da Bregliano. Il difensore matuziano, già ammonito, rimedia il secondo giallo in pochi minuti e va anzitempo sotto la doccia. La Sanremese resta in dieci, ma non demorde. Taddei arretra al centro della difesa, al fianco di Gagliardini, e suona la carica. Al 35’, su capovolgimento di fronte, Colombi semina il panico in area, poi Spinosa, da buona posizione, calcia alto sopra la traversa. Al 37’ Pici sulla destra mette un bel pallone in area, la conclusione di tacco di Colombi viene respinta con i piedi da Rovei. Il tempo si chiude con un’altra conclusione di Spinosa dal limite che termina sul fondo. Le squadre vanno negli spogliatoi con il punteggio di 1-0 per il Casale, ma la Sanremese dopo il gol subito e l’espulsione di Bregliano ha dato segnali di risveglio. La ripresa si apre con un’incursione in area dalla sinistra di Mair. Il numero 9 nerostellato termina a terra e invoca il rigore, ma accentua notevolmente la caduta. L’arbitro Perri non abbocca e gli mostra il giallo. Al 48’ Mullici, sempre da sinistra, lavora un bel pallone e serve Coccolo, l’attaccante si gira bene in area ma spara alto sulla traversa. Al 52’ Mullici ci riprova: l’esterno nerostellato supera un paio di avversari centralmente, entra in area e viene steso da Taddei. L’arbitro stavolta non ha dubbi, è calcio di rigore. Dagli undici metri lo specialista Di Lernia non sbaglia: 2-0 e risultato in ghiaccio. Mister Ascoli prova a scuotere i suoi e opera un doppio cambio: fuori Spinosa e Likaxhiu, dentro Maggi e Vitiello. L’ex Borgosesia si posiziona in attacco al fianco di Colombi per cercare di movimentare la situazione e provare con la sua freschezza a dare una mano ai biancoazzurri in ottica rimonta. Al 65’ il Casale si rende ancora pericoloso con il duo Mullici-Coccolo: il numero 7 pesca al centro dell’area l’attaccante che si incarta da solo e non riesce a concludere da buona posizione. La difesa della Sanremese libera in extremis, ma che pericolo per Morelli! I biancoazzurri si fanno vedere dalle parti di Rovei al 71’ con una bella punizione dai trenta metri di Scalzi, alta non di molto. Un minuto dopo Demontis crossa dalla sinistra in area, la palla viene raccolta sulla destra da Maggi che la rimette in mezzo, il pallone attraversa tutto lo specchio della porta senza che nessuno riesca a intervenire. Al 74’ mister Buglio opera il primo cambio in attacco: Cappai rileva Mair. Con il passare dei minuti la gara perde di intensità. La Sanremese prova a pungere, il Casale controlla. All’81’, però, su una fiammata, gli ospiti provano a riaprire il match: Colombi viene atterrato in area da Pinto, e l’arbitro concede il secondo rigore di giornata. Dagli undici metri va lo stesso attaccante di Broni: il suo tiro viene inizialmente respinto da Rovei, ma Colombi è lesto ad arrivare ancora sulla sfera e ribadisce in gol. Casale-Sanremese 2-1. Ora i matuziani si giocano il tutto per tutto: Ascoli getta nella mischia anche Pellicanò per Gerace. Nel Casale entrano allo scadere Buglio per Poesio e Miello per Mullici. All’inizio dei cinque minuti di recupero la Sanremese va vicina al pareggio: sugli sviluppi di una mischia in area nella quale si gettano con coraggio Pellicanò, Colombi, Vitiello e Gagliardini, la palla dopo un colpo di testa del difensore laziale termina incredibilmente sul palo interno e torna in campo. Gagliardini prova a intervenire di nuovo, ma si ostacola con un compagno e la difesa nerostellata libera con affanno. Finisce 2-1 per il Casale. La Sanremese, nonostante l’inferiorità numerica, non ha demeritato. Mercoledì si torna in campo per giocare il recupero con il Borgosesia.

                   Comunicato Irriducibili Sanremo del 17/10/2019.

Gli Irriducibili Sanremo si stringono attorno alla cara Dolores, nostra iscritta, per la prematura scomparsa della madre. Dolores è da sempre un accanita sostenitrice della Sanremese e ha ricoperto anche ruoli amministrativi all'interno della società negli anni passati. Le nostre più sentite condoglianze anche al nostro amico Franco, marito di Dolores, e a tutta la famiglia. 

 

 CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A ( SETTIMA GIORNATA )

              Seravezza - Domenica 13/10/2019 - ore 15:00

       REAL FORTE QUERCETA  0                         SANREMESE  1


Con una gara tutta cuore e cervello la Sanremese batte 1-0 il Real Forte Querceta e conquista altri tre punti preziosissimi che la propongono in campionato come la squadra del momento. Il gol decisivo lo firma a dieci minuti dalla fine Marco Spinosa su calcio di rigore. Per l’indisponibilità del “Necchi Balloni” di Forte dei Marmi, la gara si disputa al “Buon Riposo” di Pozzi di Seravezza. Il Real Forte Querceta ha grande voglia di riscatto dopo la sconfitta di sabato a Chieri. Mister Amoroso (inibito per tre mesi e in tribuna, in panchina c’è il suo secondo Florio) deve rinunciare allo squalificato Bertoni, e agli infortunati Molinaro e Credendino. Tognarelli recupera ed è in campo dall’inizio con una vistosa maschera protettiva al volto dopo l’intervento chirurgico allo zigomo. Nella Sanremese assenti gli infortunati Lo Bosco e Calderone. Manca anche Pici, impegnato con la Nazionale albanese Under 19. Maggi convocato, va in panchina, al suo posto in difesa sull’out di destra c’è Scarella. La Sanremese comincia subito con il piglio giusto e si riversa nella metà campo del Querceta. La prima conclusione però è dei toscani con Falchini che all’11’ calcia sopra la traversa. Al 13’ Demontis serve un pallone d’oro in area a Spinosa, ma il numero dieci biancoazzurro, davanti al portiere De Carlo, si fa chiudere da Tognarelli e non riesce a concludere. Sul capovolgimento di fronte, cross di Maccabruni, sponda di Doveri e testa di Di Paola, Caruso blocca a terra. La gara è molto vivace e combattuta. Le squadre non si risparmiano e si affrontano a viso aperto, alla ricerca del gol. Al 22’ Scalzi penetra in area dalla destra, ma il suo diagonale termina a lato di poco. Al 28’, su angolo di Demontis, Gagliardini colpisce di testa e Guidi salva sulla linea un gol praticamente fatto. Al 32’ Demontis si accentra e lascia partire una conclusione velenosa che di poco non inquadra il bersaglio. Al 35’, sugli sviluppi di un corner, una girata di destro di Gagliardini termina fuori. Al 40’ altro pericolo costruito dalla Sanremese: Scalzi recupera una bella palla sulla destra e appoggia a Likaxhiu, assist per Demontis, tiro del centrocampista dalla media distanza, De Carlo blocca. Al 43’, su un lancio di Scalzi, Tognarelli di testa, nel tentativo di anticipare Colombi, per poco non combina la frittata: la palla, a De Carlo battuto, termina in angolo. Il primo tempo si chiude sullo 0-0, ma ancora una volta ai punti la Sanremese avrebbe meritato qualcosa di più. Nella ripresa il Real Forte Querceta opera subito un cambio: resta negli spogliatoi il portiere locale De Carlo che aveva subito un colpo in mischia, entra il numero 12 Manfredi. I bianconeroazzurri pressano più alti e sembrano voler uscire dal torpore. Al 50’ dal limite Di Paola ci prova con un destro velenoso, Caruso compie un autentico miracolo, deviando sulla traversa con la punta delle dita la palla diretta all’incrocio. L’intervento strappa applausi anche tra i tifosi di casa. Al 54’ Ascoli getta nella mischia Pellicanò al posto di Scarella, Likaxhiu arretra in difesa sull’out di destra. Tre minuti dopo Manes rileva Gagliardini non al meglio al centro della difesa. Al 58’ Taddei recupera palla su Lazzarini, Spinosa parte in un coast to coast irresistibile, arriva al limite, ma calcia alto. Al 63’ è Demontis a provarci ancora dai trenta metri, Manfredi respinge in tuffo e salva la sua porta. Il Real Forte Querceta si fa vedere al 73’: Lazzarini crossa dalla destra, Doveri di testa non riesce ad imprimere forza alla sfera, Caruso blocca. Alla mezz’ora Ascoli e Florio operano altre due sostituzioni: entrano Vitiello e Angelotti, escono Scalzi e Tognarelli. La gara vive una fase di stanca, i ritmi si abbassano, ma la Sanremese resta in attacco alla ricerca del vantaggio. All’80’ la partita si sblocca nel modo che non ti aspetti: su uno spiovente in area il portiere Manfredi, uscendo, anticipa di pugno Pellicanò, ma lo travolge in pieno. L’arbitro Gemelli di Messina, tra le proteste, indica il dischetto. Dagli undici metri Spinosa spiazza il portiere dei toscani. La Sanremese passa meritatamente in vantaggio e assapora la vittoria. Il gol tramortisce il Querceta che non riesce a reagire. La Sanremese si mantiene in attacco e prima Colombi, poi lo stesso Spinosa potrebbero trovare il colpo del kappaò. Negli ultimi minuti entrano Fazzini e l’ex di turno Fenati, escono Maccabruni e Spinosa. I bianconeroazzurri vanno vicini al pareggio al primo minuto di recupero: sponda di Falchini, Giovannelli in area si gira ma ciabatta a lato. Al 94′ l’arbitro mostra il cartellino rosso a Guidi per un intervento pericoloso e il Real Forte Querceta chiude in dieci uomini. Vince la Sanremese, la rincorsa alle zone alte della classifica continua. Tra campionato e Coppa Italia, per la sesta volta consecutiva, la squadra biancoazzurra mantiene inviolata la propria porta.

                 COPPA ITALIA SERIE D - SEDICESIMI DI FINALE

                         Chieri - Mercoledì 9/10/2019 - ore 15:30

                   CHIERI  0                                        SANREMESE  3


Con una grande prestazione la Sanremese espugna il “De Paoli” di Chieri e supera il turno in Coppa Italia. I matuziani si impongono per 3-0 in un match che, fin dal primo tempo, non è mai stato in discussione. Nelle fila dei piemontesi gli indisponibili sono Conrotto, Campagna e Casanova. La Sanremese, invece, deve fare a meno di Lo Bosco, infortunato, e di Pici che è impegnato con la Nazionale albanese Under 19. Ascoli effettua un po’ di turn over: dal primo minuto in porta c’è Morelli, in mediana Fenati, e in attacco Vitiello insieme ai giovani Calderone e Pellicanò. Il Chieri parte forte e dopo tre minuti ci prova con De Riggi, ma la sua conclusione termina sul fondo. La Sanremese risponde all’8’ con Vitiello, ma l’ex attaccante di Argentina e Borgosesia non ha fortuna. Al primo vero affondo la Sanremese passa con Demontis: il centrocampista ex Lanusei scambia con Pellicanò e ci prova da lontano, sulla traiettoria del tiro una deviazione dello stesso Pellicanò spiazza inevitabilmente Bertoglio e rende vano il suo intervento. Chieri-Sanremese 0-1. La squadra di Morgia cerca di scuotersi, ma Morelli non corre pericoli. La Sanremese è ben messa in campo e ancora Vitiello potrebbe raddoppiare tra il 32’ e il 35’: prima Di Lorenzo perde una palla pericolosissima sulla trequarti, e Calderone serve Vitiello che finisce in fuorigioco per questione di centimetri; poi sempre Vitiello in tuffo di testa sfiora il bersaglio, approfittando di un bel cross di Fenati. La palla esce fuori di poco. Il 2-0 è nell’aria e arriva nuovamente con Demontis, oggi decisamente in giornata di grazia. Il centrocampista sardo fa le prove generali al 35’ con un bolide dalla distanza che impegna severamente Bertoglio: il portiere si rifugia in angolo. Al 38’ l’estremo difensore di casa però non può nulla su un’azione da manuale della Sanremese: fuga sulla sinistra di Gerace, cross sul secondo palo, Demontis, ben appostato in area, controlla e con una pennellata di destro mette in ghiaccio il risultato. Si va al riposo sul punteggio di Chieri-Sanremese 0-2. E per quello che si è visto in campo nei primi quarantacinque minuti, c’è davvero poco da aggiungere. Ad inizio ripresa mister Morgia, non contento della prestazione dei suoi, prova a dare la scossa ed effettua subito tre cambi: dentro Benedetto, Giacinti e Yeboah, escono Bellocchio, Di Lorenzo e Di Sparti. Yeboah si fa subito notare al 55’: l’attaccante ghanese semina il panico tra gli avversari, poi serve Varano, ma la sua conclusione è debole e Morelli blocca. Sul capovolgimento di fronte Vitiello supera in area sia Benedetto che Mosagna, ma il numero 11, sul più bello, non riesce a concludere. Un minuto dopo anche Ascoli mette forze fresche in campo: Likaxhiu prende il posto di Pellicanò, e Scalzi rileva Fenati. Contestualmente, nel Chieri, anche Sbordone entra al posto di De Riggi. La gara resta piacevole. Tra il 63’ e il 66’ prima Nouri cerca di riaprire la partita per i padroni di casa, poi il neo entrato Scalzi per poco non pesca il jolly con un’azione delle sue. Al 69’ Melandri nel Chieri rileva Bragadin, nella Sanremese Colombi prende il posto di Vitiello. Prima della fine del match, dopo una bella conclusione di Taddei, la Sanremese al 79’ trova il terzo gol con Likaxhiu. Il centrocampista ex Fano, con una rasoiata ficcante e precisa, fa secco ancora una volta Bertoglio, sfruttando al meglio un assist di Colombi. Per il Chieri la lezione è durissima. Negli ultimi minuti Sbordone e Varano cercano di salvare l’onore, ma entrambi non riescono a trovare lo spiraglio giusto per battere Morelli. La Sanremese supera il Chieri 3-0 e accede agli Ottavi di finale di Coppa Italia di Serie D. Il 13 novembre il prossimo avversario sarà l’Inveruno. Un’iniezione di fiducia notevole in vista della difficile gara di domenica prossima in campionato con il Real Forte Querceta.

 

   CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A ( SESTA GIORNATA )

                Sanremo - Domenica 06/10/2019 - ore 15:00

               SANREMESE  1                                           BRA  0


Dopo il pari a reti inviolate di Lucca i ragazzi di mister Ascoli cercano punti preziosi contro il fanalino di coda del campionato, il Bra, ancora a secco di punti. Sulla carta si tratta di una sfida che i biancoazzurri non possono e non devono sbagliare, per cercare a tutti i costi di rimanere attaccati al treno playoff e alle zone alte della classifica. Prima del calcio d’inizio è stato effettuato un minuto di silenzio per ricordare la scomparsa del presidente del Sassuolo Giorgio Squinzi, deceduto qualche giorno fa a 76 anni. All’11’ si mostra molto intraprendente subito il numero 27 Scalzi, con un tiro deviato in angolo ed un cross verso il secondo palo per la testa di Gagliardini, che però si trovava in posizione di fuorigioco. Dopo esser uscito per qualche manciata di secondi a causa di un contrasto, è di nuovo Scalzi a tentare il tiro dopo un’azione nata da un calcio d’angolo. Un minuto dopo Spinosa si addentra in area e cerca di superare Bonofiglio, ma il tiro è centrale e il portiere braidese blocca senza problemi. Al 20’ Scalzi con un buon cross da calcio piazzato la mette sulla testa di capitan Taddei: la palla termina di poco a lato. Dopo una fase molto tattica e giocata a centrocampo, la Sanremese trova la rete del vantaggio al 30’: azione molto elaborata e con passaggi nello stretto, Taddei si porta il pallone in avanti e tenta il tiro; Bonofiglio respinge ma non blocca e con un facile tap in Colombi insacca a porta sguarnita. 1-0 SANREMESE! A circa 5 minuti dalla fine del primo tempo Caruso effettua uno splendido rinvio che innesca Scalzi: il numero 27 si accentra e, con un po’ di generosità, appoggia la palla a Colombi, che ci mette troppa potenza e troppo poca precisione. La prima frazione si chiude senza altri acuti, con i Leoni in vantaggio di un gol sui piemontesi. Dal 46’ la Sanremese inizia subito ad attaccare con insistenza per cercare di mettere in cassaforte il match. La prima azione più emozionante della seconda frazione arriva da parte dei piemontesi dopo 8 minuti: il neo entrato Armato si gira molto bene, ma Caruso compie un vero e proprio miracolo volando alla sua sinistra e deviando la sfera. Al 57’ Marchisone interviene sulle gambe di un avversario in modo troppo violento secondo l’opinione dell’arbitro Di Nosse che gli mostra il cartellino rosso e lo manda anzitempo sotto la doccia. Il Bra ora è sotto anche nel numero, oltre che nel punteggio. Tre minuti dopo Demontis tenta l’azione solitaria e riesce a dribblare la difesa avversaria con grande scioltezza: Bonofiglio si supera ed evita un gol già fatto. Il Bra crea poche occasioni, ma quando gli riesce mette sempre paura alla difesa biancoazzurra. Al 62’ è Vergnano a divorarsi il gol a botta sicura sul primo palo dopo un cross dalla sinistra. Fase un po’ lenta e confusa del match, forse anche per via della stanchezza. Al 72’ Calderone recupera un buon pallone e assiste Colombi che insacca, ma la punta era in posizione di fuorigioco. Al 79’ altra sintonia tra Calderone e Colombi: come prima, il numero 23 insacca ma il gol viene annullato per fuorigioco. Gli ultimi minuti sono contraddistinti da un discreto nervosismo e da una stanchezza che domina sempre di più sulla tecnica. I braidesi cercano di creare qualcosa, mentre la Sanremese vuole soprattutto tenere il punteggio e portare i tre punti a casa. All’88’ il numero 4 dei piemontesi Rossi cerca il pari da fuori area, ma la palla si impenna sopra la traversa. Durante i 4 minuti di recupero la partita si rianima, per via dei tentativi disperati del Bra di riprendere la gara, ma, con le buone o le cattive, la Sanremese riesce a difendere il punteggio e a incassare 3 punti molto importanti in chiave classifica.

               Articolo pubblicato su SanremoNews  il 03/10/2019.

La Sanremese Calcio e la locale Confcommercio lanciano in piena sinergia una nuova iniziativa, “Allo stadio con i biancoazzurri”. A partire dalla prossima gara casalinga contro il Bra di domenica 6 ottobre e per tutto il campionato, presso gli esercizi commerciali associati Confcommercio che hanno aderito al progetto e che esporranno l’apposita locandina, sarà possibile acquistare in prevendita i biglietti delle partite ad un prezzo agevolato: la tribuna laterale costerà 12 euro invece di 15, e la gradinata 5 invece di 10. L’intento è quello di avvicinare ancora di più la squadra di casa al tessuto sociale della città, favorendo e incentivando le presenze allo stadio. Ogni commerciante sarà dotato di un tagliando con matrice numerata, con i loghi della Sanremese e della Confcommercio, da rilasciare ai tifosi che vorranno usufruire del servizio. Lo stesso tagliando dovrà essere poi consegnato al botteghino prima della gara per poter ricevere in cambio il biglietto vero e proprio ed accedere al Comunale nel settore desiderato. «Nel corso dell’ultimo anno abbiamo lavorato molto con la Sanremese, commenta Di Baldassare. Riteniamo importante questa liaison tra il tessuto commerciale e la nostra eccellenza sportiva. Dai vari incontri fatti con la dirigenza biancazzurra è nata questa idea che vuole portare i commercianti a diventare i primi promotori della nostra squadra. Un’eccellenza, la Sanremese, che se sostenuta può essere un grande volano per l’economia del territorio». «Società e giocatori stanno facendo il massimo da tre anni per ottenere i migliori risoltati sportivi possibili ed è quindi un piacere vedere un’istituzione di spessore come la Confcommercio fare la propria parte. Non era mai stata fatta una vera e propria prevendita – continua il presidente Glauco Ferrara – all’esterno dello stadio. Non ci aspettavamo un’adesione così numerosa in grado di coprire buona parte dei quartieri matuziani». A siglare l’accordo erano presenti anche i giocatori Scalzi e Bregliano e il capitano Max Taddei: «Sanremo è una città bellissima che può dare ancora molto, con la sua gente, per dimostrare più amore nei confronti della Sanremese. Sentire il supporto della tifoseria è essenziale per spingere la squadra verso l’obiettivo promozione».

 

               Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 02/10/2019.

Finalmente arriva la chiamata tanto attesa per Riccardo Gagliolo, che dopo tanta gavetta in Serie B e l'approdo in Serie A prima con il Carpi e poi con il Parma, si guadagna la prima chiamata nazionale svedese. Classe 1990, ed ex Andora, Sanremese e Imperia il difensore è stato chiamato dal tecnico della nazionale scandinava Janne Andersson per le sfide delle qualificazioni europee contro Malta e Spagna del 12 e 15 ottobre. Gagliolo, nativo di Andora, è cresciuto tantissimo negli ultimi anni e ora sembra essere arrivata per lui la vera consacrazione con la maglia della Svezia, visto che possiede anche della cittadinanza svedese grazie alle origini della madre.

 

 CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A ( QUINTA GIORNATA )

                      Lucca - Domenica 29/09/2019 - ore 15:00

                LUCCHESE  0                                     SANREMESE  0


Al termine di una gara molto equilibrata Lucchese e Sanremese si dividono la posta. Per qualità della manovra e per possesso palla si fa preferire la squadra biancoazzurra che nel secondo tempo costruisce anche tre nitide palle gol, ma per imprecisione e per bravura del portiere di casa Fontanelli non riesce a finalizzare. Il pareggio a Lucca fa morale, classifica e allunga la serie positiva, ma ai punti oggi ancora una volta i ragazzi di Ascoli avrebbero meritato qualcosa di più. La Lucchese torna a giocare al Porta Elisa, che riapre con una capienza ridotta, dopo 119 giorni. Sono dieci invece le sfide complessive tra rossoneri e biancoazzurri, sei in campionato e quattro in Coppa Italia. L’ultima gara in campionato risale addirittura al 1959: era l’8 febbraio e finì 1-1. Nella manifestazione tricolore di categoria invece le ultime partite sono datate 2005/2006 e 2006/2007. I matuziani ricordano con piacere l’exploit dell’8 febbraio 2006 quando, nella gara di andata dei quarti di finale della Coppa Italia di C, espugnarono l’impianto lucchese per 2-1, ipotecando l’accesso alla semifinale contro la Pro Patria. Il match di ritorno, giocato il 22 febbraio 2006, si chiuse invece sullo 0-0. Buona cornice di pubblico e minuto di raccoglimento per ricordare l’ex mister Walter Nicoletti, scomparso nei giorni scorsi a 66 anni dopo una lunga malattia. Nella Lucchese assenti Lici, Remorini, Bartolomei, Fazzi e lo squalificato Nannelli. Fiducia in avanti al 40enne Tarantino e all’ex biancoazzurro Falomi, torna dal primo minuto Nolè. Nella Sanremese indisponibili Maggi e Martini, tra i titolari partono Bregliano in difesa e Scalzi tra le linee al posto di Manes e Spinosa. La Sanremese si fa subito pericolosa al 4’: Likaxhiu e Demontis confezionano un’azione che taglia in due la difesa dei toscani, Colombi ha la palla buona in area, ma la sua conclusione termina sull’esterno della rete. Al 7’ i biancoazzurri si riaffacciano dalle parti del portiere lucchese Fontanelli, ma prima le conclusioni di Scalzi e di Likaxhiu vengono murate dalla retroguardia di casa, poi Lo Bosco calcia alto sopra la traversa. Al 17’ Scalzi ci prova direttamente dalla bandierina, Fontanelli smanaccia ancora in angolo. Nella seconda parte del primo tempo la gara ristagna a centrocampo. La Sanremese controlla bene il gioco, ma non riesce ad affondare, la Lucchese si difende ma non corre pericoli. Al 43’ la squadra di Monaco si fa vedere con Gueye che si muove bene in area, tuttavia la sua conclusione termina sul fondo. Dopo un paio di minuti di recupero, l’arbitro Campobasso di Formia manda tutti negli spogliatoi. Lucchese-Sanremese 0-0. La ripresa si apre dopo due minuti con un’azione di marca lucchese: Guye supera fortunosamente Pici, ma di testa davanti a Caruso non riesce ad imprimere forza alla sfera, il numero uno della Sanremese blocca senza patemi. Al 51’ Ascoli prova a cambiare le carte in tavola per cercare maggiore imprevedibilità sulla trequarti offensiva: dentro Spinosa per Colombi. Nella Lucchese al 57’ Panati rileva Gueye, al 70’ Vignali entra al posto di un esausto Tarantino. Contemporaneamente Bellanca prende il posto di Likaxhiu. Le gara resta molto tattica e le due compagini faticano a trovare lo spiraglio giusto per entrare in area. Al 73’ però la Sanremese costruisce l’azione più pericolosa della partita: Lo Bosco e Bellanca confezionano una palla d’oro per Spinosa che davanti a Fontanelli calcia debolmente sul fondo. Ascoli ci crede e due minuti dopo getta nella mischia anche Vitiello per Scalzi. Bitep invece al 78’ rileva Falomi. All’81’ Lo Bosco mette davanti al portiere con un’altra intuizione il neo entrato Vitiello, ma il numero 11 perde il tempo di battuta e, contrastato dai difensori rossoneri, non riesce a concludere. All’85’ Spinosa pesca sulla sinistra Lo Bosco, il numero 9 impegna severamente sul suo palo Fontanelli che si salva in angolo. Al 90′ Lo Bosco deve uscire, al suo posto entra Manes. Nonostante i quattro minuti di recupero, non accade più nulla. Lucchese-Sanremese termina 0-0.

 

               Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 26/09/2019.

In seguito al provvedimento del Giudice Sportivo Nazionale che, in data odierna, ha deciso di rigettare il Reclamo della Sanremese, omologando il risultato della gara con la Fezzanese dell’8 settembre scorso (0-1), la Sanremese prende atto della decisione e comunica che procederà, nei termini previsti, ad impugnare tale decisione presso la Corte Sportiva di Appello. La Sanremese, infatti, ritiene che, anche alla luce dell’inesistenza di precedenti interpretazioni sulla nuova Regola 9 (valida solo dall’1.7.2019), il Giudice Sportivo non abbia nè argomentato nè, tantomeno, motivato le ragioni alla base della propria decisione, essendosi piuttosto limitato esclusivamente a rigettare le argomentazioni alla base del Reclamo senza, però, spiegarne nè i motivi nè, tantomeno, i riferimenti normativi.

            COPPA ITALIA SERIE D  ( TRENTADUESIMI DI FINALE )

                  Sanremo - Mercoledì 25/09/2019 - ore 15:00

               SANREMESE  4                                       SAVONA  2

                                      ( dopo i calci di rigore )


 Esordio in Coppa Italia di categoria per i biancoazzurri, oggi in divisa rossa con inserti bianchi e blu, che sfidano una delle loro acerrime rivali: il Savona. Il primo tempo non offre uno spettacolo grandioso, ma non mancano le occasioni per i Leoni, mentre gli avversari sono più propensi a difendere (e anche a compiere molti falli). Al 9’ i matuziani vanno vicinissimi alla rete del vantaggio con Vitiello, ma Guadagnin, portiere dei savonesi, si fa trovare pronto con una prodigiosa parata. La Sanremese è quasi sempre in zona d’attacco, ma la rete non arriva. Il protagonista di molte azioni è il numero 10 Spinosa, che ad esempio al 23’ mette in area un pallone interessante per la testa di Fenati, che la appoggia nell’area piccola, dove però Vitiello non trova il tap-in vincente. Qualche minuto prima anche Demontis aveva provato a superare Guadagnin con un potente tiro da fuori area, ma la conclusione si era persa di poco sulla traversa. Allo scadere della prima frazione Fenati tenta il tiro da fuori. Potente ma impreciso. Nel secondo tempo il copione è quasi uguale, ma stavolta il Savona è un po’ più convinto in fase offensiva. La partita è piuttosto noiosa e serve mezz’ora per vedere un’azione degna di nota: Colombi mette il pallone in mezzo per il neoentrato Scalzi, che viene fermato dalla difesa avversaria. Poi, in un minuto, all’80’, accade di tutto: prima nella metà campo savonese, dove Scalzi crossa pericolosamente, ma il portiere si fa trovare pronto; poi sulla ripartenza Pici commette fallo in area su Buratto: calcio di rigore e cartellino rosso per il terzino albanese. Sembra un triste epilogo, ma la sorpresa è dietro l’angolo. Dal dischetto Vita calcia un rigore lento e debole alla sinistra di Morelli. Esempio di come non calciare un rigore. La palla termina sul fondo. I padroni di casa tirano un sospiro di sollievo. Il risultato resta in bilico, il Savona si morde le mani. Al 90’ la Sanremese si fa rivedere in avanti: azione solitaria di Demontis, che viene abbattuto al limite dell’area da un difensore savonese. Su calcio di punizione Scalzi per poco non trova un clamoroso gol partita allo scadere, ma Guadagnin si supera di nuovo. I minuti regolamentari finiscono e così le squadre vanno direttamente ai calci di rigore: dagli undici metri i matuziani sono impeccabili. Segnano Taddei, Manes, Lo Bosco e Demontis, mentre Buratto (tiro alto) e Siani (tiro neutralizzato da Morelli) bruciano le speranze dei savonesi. I biancoblù sono eliminati, la Sanremese vola ai sedicesimi di finale, dove il 9 ottobre incontrerà il Chieri.

 

          Articolo pubblicato sul La Gazzetta Lucchese il 24/09/2019.

Via libera dalla commissione provinciale di pubblico spettacolo per la riapertura dello Stadio Porta Elisa. La commissione ha deliberato di conferire fino al 3 marzo 2020 l'agibilità della struttura secondo il seguente schema: 192 posti in tribuna coperta, 1500 in curva ovest, 1000 in gradinata, 500 in curva est, 6 disabili più 6 accompagnatori per un totale di 3204 posti. Dunque ora è ufficiale: dalla prossima gara contro la Sanremese la Lucchese torna nel suo stadio sia pure con agibilità decisamente ridotta. I lavori per far riaprire il Porta Elisa sono andati avanti in queste settimane e devono ancora concludersi. 

 

               Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 24/09/2019.

Da oggi Valentino Papa, ex giocatore e allenatore della Sanremese, entra a far parte dello staff della prima squadra e sarà un nuovo collaboratore dell’area tecnica di mister Nicola Ascoli. Nato a Napoli il 29 agosto 1979, Papa da giocatore è cresciuto nella Robur Siena e ha giocato con la Sanremese dalla C2 all’Eccellenza, totalizzando oltre 150 presenze. Da allenatore si è seduto sulla panchina dei matuziani in Eccellenza nella stagione 2015/2016. Valentino Papa sarà presentato questo pomeriggio al termine dell’allenamento, alle 17.00, nella sala stampa del Comunale.

 CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A ( QUARTA GIORNATA )

                 Sanremo - Domenica 22/09/2019 - ore 15:00

                SANREMESE  3                                        VADO  0


Al Comunale di Sanremo va in scena la gara tra i padroni di casa e il Vado. I Leoni sono alla ricerca della prima vittoria stagionale, che meriterebbero senza troppe pretese, dopo le ottime prestazioni sfoggiate nelle prime giornate. L’avversario, almeno sulla carta, non è dei più temibili, ma è da considerare comunque una squadra insidiosa: il Vado, storica squadra ligure che vinse una Coppa Italia nell’ormai lontano 1922 e che lo scorso anno si è aggiudicata la promozione tra i Dilettanti con un primo posto in Eccellenza regionale. Nei primi minuti vi è una fase di studio tra le due squadre, che palleggiano in mezzo al campo cercando spazi invitanti, ma entrambe le difese si mostrano compatte. Ma senza dubbio sono i padroni di casa a rendersi più pericolosi e, dopo pochi minuti, arriva la prima azione importante: in seguito ad un rimpallo, dopo un contrasto tra un difensore avversario e Lo Bosco, la sfera arriva a Spinosa, che involandosi in velocità verso la porta inciampa sul pallone e favorisce il recupero della difesa avversaria. Al 10’, dopo un’ottima ripartenza dei biancoazzurri, Scalzi riceve il pallone e dai 20 metri scaglia un potente tiro che si spegne a pochi centimetri dal palo alla sua sinistra. Al 14’ di nuovo Scalzi, ricevuto il pallone da Lo Bosco, scatta sulla trequarti destra e tira ad incrociare sul secondo palo: palla fuori di poco. Si fa vedere il Vado dalle parti di Caruso e quando lo fa, si rende piuttosto pericoloso: è il 19’ quando Oubakent mette in mezzo per Gallo, entrato da poco per l’infortunato Castaldo; il centrocampista, a pochi passi dalla porta, manda alto sulla traversa. Ma da un calcio d’angolo nasce l’azione che porta alla rete del vantaggio matuziano al 27’: a segnare è proprio Scalzi, uno dei più in forma della gara, che dalla sua fascia destra si accentra e batte il portiere ospite Iliante con un tiro preciso sul secondo palo. Sanremese-Vado 1-0! La Sanremese cerca il raddoppio anche dai corner: al 32’ cross di Spinosa, colpo di testa deciso di Gagliardini, ma il portiere avversario para con sicurezza. Due minuti dopo arriva un’altra incredibile occasione gol per il Vado: Gallo mette in mezzo da calcio di punizione; il pallone arriva nel mucchio e rimbalza sui piedi di Marmiroli: il tiro si stampa sulla traversa. Oggi i leoni, in particolare nelle azioni veloci, sembrano indomabili: prima Spinosa, al 36’, in un 3 contro 3 manda a lato di poco, poi un minuto dopo, su una seconda magistrale ripartenza, Demontis, dopo essersi involato verso l’area di rigore, appoggia il pallone alla sua sinistra, dove c’è Lo Bosco: il numero nove si accentra in area, dribblando la difesa, e segna la rete del 2-0 per la Sanremese! Il secondo tempo inizia subito a ritmi molto alti per i biancoazzurri, che alla prima occasione importante chiudono il match con colui che senza dubbio è l’uomo partita: Pippo Scalzi, in seguito ad un’azione nata da un rilancio di Manes, taglia da destra verso sinistra e mette a segno la sua personale doppietta! E’ il 51’ ed è 3-0 per i Leoni Biancoazzurri! Il Vado prova con qualche azione a riaprire un match già ampiamente a vantaggio dei padroni di casa, in particolare con una pericolosa sforbiciata di Oubakent, che si spegne poco alta sulla traversa, e il tentativo di Gagliardi, che trova preparato Caruso sul primo palo. In genere non succede quasi nulla di interessante. I ritmi sono bassi e la Sanremese difende bene il risultato, provando anche a rendere lo scarto ancora più ampio con qualche azione del neo entrato Colombi. Il match si chiude con un secco 3-0 per la Sanremese, che la prossima settimana se la vedrà con la Lucchese, reduce da un pareggio col Ghivizzano. I Leoni salgono a 5 punti in classifica, a pari punti con Casale e Seravezza.

 

   CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A ( TERZA GIORNATA )

                     Lavagna - Domenica 15/09/2019 - ore 15:00

                LAVAGNESE  1                                   SANREMESE  1


Una grande Sanremese porta via dal “Riboli” di Lavagna soltanto un pareggio. I biancoazzurri hanno dominato per lunghi tratti e hanno creato tantissime palle gol, ma dopo aver sbloccato il risultato con Scalzi al 77’, sono stati raggiunti a due minuti dal termine da un colpo di testa di Perasso, complice una mezza dormita difensiva. Puniti al primo errore, insomma. Il momento poco fortunato continua. Rispetto all’undici che ha imposto il pareggio al Casale, nella Lavagnese mister Nucera presenta un solo cambio: Di Pietro rileva dal primo minuto Simone Basso. Nella Sanremese in panchina c’è Roberto Correale. Nicola Ascoli è in tribuna perché squalificato per due turni dopo l’espulsione rimediata domenica scorsa. Il tecnico calabrese cambia la coppia di terzini: Maggi è indisponibile, Bellanca figura tra le riserve. Nella linea a quattro difensiva Pici gioca a destra e Gerace a sinistra. Il primo pericolo, dopo sei minuti, lo crea la Sanremese: Spinosa avanza centralmente fino ai trenta metri e lascia partire un tiro insidioso che il portiere bianconero Nassano con un bell’intervento devia in corner. Al 12’, in un’azione simile, è Lo Bosco ad incunearsi centralmente e a colpire la traversa dal limite con un fendente di destro: Nassano stavolta resta a guardare. La risposta della Lavagnese arriva al 18’ con un rasoterra di Casagrande che non impensierisce l’ex di turno Caruso. Al 29’ i padroni di casa costruiscono invece la prima vera palla gol: punizione di Di Pietro dalla destra, El Hadj Katim di testa sottomisura non riesce ad imprimere forza alla sfera e Caruso blocca. La Sanremese va ancora vicina al vantaggio per due volte con Lo Bosco tra il 32’ e il 35’: prima un tiro cross insidioso del numero 9 biancoazzurro trae in inganno Nassano, Casagrande salva sulla linea; quindi sempre Lo Bosco di testa da due passi impegna severamente Nassano che si rifugia in angolo. Sugli sviluppi del corner, Colombi con uno stacco perentorio non inquadra il bersaglio per questione di centimetri. Il tempo si chiude con una conclusione al volo di Taddei, su angolo di Spinosa, che termina alta. Meglio decisamente la Sanremese della Lavagnese, ma il risultato non si sblocca. Il secondo tempo inizia sulla falsariga del primo: Sanremese in attacco, Lavagnese chiusa a riccio nella propria metà campo pronta a ripartire. Tra il 58’ e il 60’ Nucera prova a dare freschezza alla sua squadra, inserendo Perasso e Alluci per El Hadj Katim e Bagnato. Tra le fila dei biancoazzurri invece Pellicanò rileva un esausto Pici. Likaxhiu si sposta sulla destra in difesa. Per il giovane attaccante della Sanremese, classe 2002, si tratta dell’esordio in serie D in questa stagione. Lo Bosco è indiavolato e costruisce altre due palle gol nel giro di un minuto tra il 60’ e il 61’: prima è sempre Nassano a negargli la gioia della rete deviando in corner una conclusione velenosissima con un riflesso strepitoso; sugli sviluppi del calcio d’angolo ancora Lo Bosco, stavolta di testa, sfiora il palo di un soffio. Al 63’ la Lavagnese opera il terzo cambio: dentro Righetti per Di Pietro. Al 72’ ci prova Spinosa con un rasoterra, la palla termina sul fondo. Il fortino della Lavagnese resiste. Mister Ascoli dalla tribuna ordina al suo vice Correale altri tre cambi: dentro Scarella, Scalzi e Vitiello per Pellicanò, Demontis e Colombi. Likaxhiu torna a centrocampo. La mossa dà subito i frutti sperati: è il 76’ quando Scalzi va via sulla destra, entra in area e viene atterrato da Di Lisi che è già ammonito. L’arbitro Perri non ha dubbi: calcio di rigore per la Sanremese, secondo cartellino giallo per Di Lisi che va anzitempo negli spogliatoi. Dal dischetto Scalzi non sbaglia e regala ai biancoazzurri il meritatissimo vantaggio. La gara, a questo punto, sembra in discesa per la Sanremese che controlla senza problemi. A due minuti dalla fine, però, i padroni di casa a sorpresa trovano il pareggio: calcio d’angolo di Alluci, testa di Perasso, lasciato solo nel cuore dell’area, e gol. Lavagnese – Sanremese 1-1. Per i biancoazzurri, in superiorità numerica per l’espulsione di Di Lisi, è una doccia fredda. Al triplice fischio dell’arbitro, dopo cinque minuti di recupero, l’amarezza è notevole. Si torna a casa con la consapevolezza di aver lasciato per strada altri due punti. L’appuntamento con la prima vittoria stagionale è ancora rimandato.

           COMUNICATO IRRIDVCIBILI SANREMO DEL 14/09/2019.

 

Gli Irriducibili Sanremo in merito alle decisioni del Giudice Sportivo del 08/09/2019 a seguito di quanto verificatosi durante e dopo l'incontro di calcio Sanremese-Fezzanese, letto il referto tengono a ribadire e a sottolineare che nessuno dei componenti della tifoseria organizzata matuziana rivolgeva espressioni costituenti discrimina- zione per ragione di razza ne tanto meno colpivano l'auto sulla quale viaggiava la terna con pugni, calci e sputi mentre la stessa abbandonava l'impianto sportivo, costringendo le Forze dell'Ordine a scortarli fino all'ingresso in autostrada. Rimaniamo perplessi e notevolmente irritati dalla gravità di tali dichiarazioni frutto dell'esclusiva fantasia di personaggi maniaci di protagonismo evidentemente non presenti sul terreno di gioco ne tanto meno al di fuori del complesso sportivo dove si è disputato l'incontro.

               Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 12/09/2019.

Dopo aver appreso le decisioni del giudice sportivo relative alla seconda giornata di campionato del girone A di serie D per la stagione 2019-20, la Sanremese Calcio comunica di aver incaricato i propri legali di presentare ricorso. La società biancoazzurra è stata infatti multata di 2.500 euro per aver insultato gli assistenti arbitrali e sopratutto perché diversi supporter biancoazzurri hanno aspettato fuori dai cancelli dello stadio Comunale la terna arbitrale, che ha diretto il match Sanremese-Fezzanese, per contestarla. Inoltre Nicola Ascoli, allenatore della Sanremese, è stato squalificato per due giornate, mentre Glauco Ferrara, dirigente della società biancoazzurra, è stato inibito fino al 2 ottobre. Per tutte queste ragioni la Sanremese presenterà ricorso.

               Articolo pubblicato su SanremoNews  il 11/09/2019.

GARE DEL 8/ 9/2019 DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO

SANREMESE CALCIO S.R.L. - FEZZANESE Preso atto del preannuncio di reclamo da parte della Societa' S.S.D.SANREMESE CALCIO S.R.L. avverso l' esito della gara indicata a margine, si soprassiede ad ogni decisione in merito. Nel relativo paragrafo si riportano i provvedimenti assunti a carico di tesserati per quanto in atti

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

A CARICO DI SOCIETA'

AMMENDA Euro 2.500,00 ed una gara a porte chiuse

SANREMESE CALCIO S.R.L. Per avere, - un proprio dirigente avuto indebito accesso al recinto di gioco al termine del primo tempo; - propri sostenitori, rivolto ad un A.A .espressioni costituenti discriminazione per ragione di razza, nonché ingiuriose e gravemente intimidatorie all'indirizzo di entrambi gli A.A.; - propri sostenitori, in numero di 30 soggetti, al termine della gara, formato un'adunanza sediziosa fuori dagli spogliatoi causando ritardo all'uscita della Terna Arbitrale; Usciti gli Ufficiali di gara dallo spogliatoio, venivano fatti oggetto di espressioni gravemente minacciose ed ingiuriose da parte dei medesimi sostenitori. Gli stessi colpivano l'auto sulla quale viaggiava la Terna con pugni, calci e sputi mentre abbandonava l'impianto sportivo, costringendo le Forze dell'Ordine e scortarli fino all'ingresso in autostrada. ( R A - R AA )

A CARICO DIRIGENTI INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA' FINO AL 2/10/2019

FERRARA GLAUCO (SANREMESE CALCIO S.R.L.)

Persona non iscritta in distinta ma riconosciuta dal Direttore di gara, indebitamente presente nei pressi dello spogliatoio, si avvicinava a pochi centimetri dal volto del Direttore di gara e, urlando profferiva espressioni gravemente minacciose ed ingiuriose, desistendo dalla condotta solo grazie all'intervento delle Forze dell'Ordine.

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE

ASCOLI NICOLA (SANREMESE CALCIO S.R.L.)

 

Per avere, al termine del primo tempo, rivolto espressioni irriguardose in segno di protesta all'indirizzo dell'Arbitro.

               Articolo pubblicato su SanremoNews  il 10/09/2019.

Gli Irriducibili Sanremo piangono Carlo Carbonetto, grande tifoso della Sanremese. Iscritto al nostro gruppo da anni, sempre presente allo Stadio Comunale in Gradinata, partecipava assiduamente anche alle trasferte che venivano organizzate per seguire i biancazzurri. Alla famiglia le nostre più sentite condoglianze.

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 09/09/2019.

Al termine dell’incontro Sanremese-Fezzanese, disputato oggi pomeriggio allo stadio Comunale di Sanremo e vinto dagli ospiti per 1-0, la società biancoazzurra ha presentato preannuncio di reclamo. La motivazione del club di Corso Mazzini è "al fine di verificare il regolare svolgimento della gara, facendo riferimento in modo particolare alla condotta dell’arbitro, signor Marco Sicurello di Seregno, nell’azione del gol annullato a Lo Bosco al minuto 42′ del secondo tempo".

 CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A (SECONDA GIORNATA)

                   Sanremo - Domenica 08/09/2019 - ore 15:00

                SANREMESE  0                                   FEZZANESE  1


Prima partita casalinga per la Sanremese di mister Ascoli, che affronta la Fezzanese dopo il pareggio di Caronno. Prima dellʼinizio del match il presidente della Sanremese Glauco Ferrara e lʼAssessore allo sport del Comune di Sanremo Alessandro Sindoni consegnano al capitano Max Taddei la maglia e la targa celebrativa per le cento presenze in maglia biancoazzurra. All’inizio del primo tempo i padroni di casa si mostrano subito propositivi, in particolare con Lo Bosco e Colombi, ma il portiere ospite Greci riesce sempre a salvarsi, anche con un po’ di fortuna. Le azioni offensive non premiano la Sanremese e la Fezzanese ne approfitta al 15’: dopo qualche attacco poco pericoloso, un retropassaggio troppo corto di testa di Taddei favorisce il veloce inserimento di Diallo, che viene abbattuto in area da un intervento di Caruso in disperata uscita. Ammonizione per il portiere biancoazzurro e calcio di rigore per la Fezzanese. Sul dischetto si presenta il numero 23 Cantatore che davanti a Caruso non sbaglia, con un preciso piazzato che si insacca in basso a sinistra: Sanremese – Fezzanese 0-1. I padroni di casa non ci stanno e reagiscono, creando azioni su azioni che mettono a dura prova la difesa dei verdi. Tre minuti dopo il gol di Cantatore, Likaxhiu batte Greci con un tiro dai 25 metri, ma la rete viene annullata dallʼarbitro Sicurello di Seregno probabilmente per un tocco di mano di Lo Bosco che era sulla traiettoria. L’episodio contestato carica i biancoazzurri, che ci provano ancora, prima con Lo Bosco, poi con una pericolosa rovesciata di Manes che termina fuori di poco. Le azioni si susseguono: al 43’ sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla destra, Spinosa mette in mezzo, la difesa avversaria toglie dai piedi di Colombi il pallone del possibile pari, il rimpallo favorisce Taddei, che mette di poco a lato alla sinistra di Greci. Al 46’ una bella acrobazia di Colombi non ha fortuna, mentre un minuto dopo un tiro di Spinosa finisce alto sulla traversa. La prima frazione si chiude quindi con un 1-0 in favore della Fezzanese, ma i padroni di casa hanno dominato, in particolare in fase offensiva e avrebbero meritato quanto meno il pareggio. Mentre le squadre si avviano verso gli spogliatoi Ascoli va verso la giacchetta nera per chiedere spiegazioni sul gol annullato e viene espulso. Il secondo tempo inizia con lo stesso spartito dei primi 45’: Sanremese in attacco a testa bassa, Fezzanese in difesa, pronta a ripartire in contropiede. Scarella rileva sulla destra in difesa Maggi. Le azioni offensive biancoazzurre sono animate da Spinosa e Lo Bosco. Il primo al 51’ calcia debolmente tra le braccia di Greci a pochi passi dalla linea di porta. Tre minuti dopo Lo Bosco sfiora il gol con una bella conclusione che avrebbe meritato miglior sorte. Spinosa ha altre buone occasioni, in particolare su calcio di punizione, ma la fortuna non lo accompagna, poiché un tiro va fuori di poco e un altro si infrange sulla barriera. A questo punto, la Sanremese rinforza il reparto offensivo con Scalzi che prende il posto di Manes. Likaxhiu va a fare il centrale difensivo. La Fezzanese si fa vedere solo in contropiede con Diallo al 68’ e l’attaccante per poco non trova il gol del 2-0. La gara resta saldamente nelle mani dei biancoazzurri che però non riescono a sfondare. Ci prova Demontis su punizione al 70’, Colombi al 71’, Scalzi colpisce una traversa dal limite su calcio piazzato un minuto dopo e Lo Bosco all’83’ calcia sull’esterno della rete. La porta della Fezzanese sembra stregata. Il gol del pareggio arriva a due minuti dalla fine: lo segna Lo Bosco con una gran girata in area che non lascia scampo a Greci. Ma Sicurello di Seregno annulla nuovamente, stavolta perché in precedenza l’arbitro stesso aveva toccato il pallone in maniera involontaria e, in base al regolamento, l’azione deve essere considerata nulla. Nei minuti di recupero Scalzi serve Taddei che scaglia un potente tiro che finisce di pochissimo a lato. E’ l’ultima azione degna di nota di una gara davvero sfortunata per la Sanremese. Finisce così, con la vittoria degli ospiti, in un modo sicuramente amaro per i biancoazzurri che escono sconfitti nonostante la grandissima mole di gioco e le svariate palle gol costruite. La Fezzanese si porta invece a punteggio pieno in classifica.

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 06/09/2019.

La Sanremese Calcio parteciperà oggi pomeriggio, 6 settembre 2019, alla “Festa dello Sport” dedicata alle società sportive della nostra città, organizzata e promossa dal Comune di Sanremo per le strade del centro cittadino. La Sanremese avrà un gazebo che sarà posizionato su Corso Matteotti e uno spazio dedicato in piazza Borea d’Olmo dove, dalle 17.00 alle 23.00, si terranno delle attività dimostrative. Saranno presenti i ragazzi del Settore giovanile e alcuni calciatori della prima squadra. Durante le attività ludiche, saranno messi in palio 10 biglietti omaggio di Gradinata della partita Sanremese – Fezzanese, in programma domenica 8 settembre 2019 alle ore 15, allo stadio Comunale di Sanremo.

  CAMPIONATO ITALIANO SERIE D - GIRONE A ( PRIMA GIORNATA )

            Caronno Pertusella - Domenica 01/09/2019 - ore 15:00

                CARONNESE  3                                   SANREMESE  3


La Sanremese comincia il campionato con un pareggio pirotecnico al Comunale di Caronno Pertusella. Il 3-3 lascia l’amaro in bocca perché fino a due minuti dalla fine i biancoazzurri erano in vantaggio, ma il calcio, specialmente quello dei primi di settembre, va così e la Caronnese, fino all’ultimo non ha mai mollato. Le due squadre si affrontano con due moduli speculari. 4-3-1-2 per la Caronnese, che rinuncia a Battistello per squalifica, ha Scaringella in panchina per onor di firma, e gioca con Corno alle spalle delle due punte Sorrentino e Perpepaj; 4-3-1-2 per la Sanremese, con Spinosa che agisce tra le linee alle spalle di Colombi e Lo Bosco, e con Taddei, Likaxhiu e Demontis a protezione della difesa. Dopo una fase iniziale di studio, la prima azione degna di nota è della Caronnese che guadagna un calcio di punizione dal limite al 12’, ma Sorrentino non inquadra il bersaglio. Due minuti dopo, su un capovolgimento di fronte, i rossoblù passano in vantaggio: Sorrentino va via in contropiede, resiste alla carica di Manes, entra in area e batte Caruso con un sinistro imparabile. Per il 22enne attaccante della Caronnese è il 66° gol in carriera, il primo in serie D. Al 18’ la Caronnese va vicina al raddoppio: prima Corno e poi Tanasa impegnano severamente Caruso che si salva in angolo. La risposta della Sanremese è in una conclusione da lontano di Taddei deviata in angolo e in un colpo di testa di Gagliardini che non impensierisce il portiere di casa Matera. Al 24’ Caronnese ancora vicina al gol: Perpepaj calcia a giro di destro sotto la traversa e Caruso compie il miracolo deviando in corner con un magistrale colpo di reni. Direttamente dal calcio d’angolo, poi, Porcino colpisce il montante con una traiettoria maligna. La Sanremese si scuote dal torpore e pareggia al 29’ con un grandissimo tiro dalla mezza distanza di Demontis che si insacca alla sinistra del portiere. Caronnese 1 – Sanremese 1. Il tempo si chiude con un’altra conclusione dai trenta metri di Spinosa che finisce sul fondo non di molto. All’inizio della ripresa il tecnico della Caronnese Gatti effettua subito una sostituzione: Perpepaj, febbricitante, resta negli spogliatoi, al suo posto c’è Vernocchi. Porcino a questo punto agisce da trequartista, mentre Corno diventa la seconda punta al fianco di Sorrentino. Al 5’ st su un errore proprio di Vernocchi nasce il vantaggio della Sanremese: Lo Bosco soffia il pallone al nuovo entrato e fa partire dalla trequarti un rapido capovolgimento di fronte, la palla arriva al limite dell’area della Caronnese, sulla destra Demontis serve un pallone d’oro in mezzo a Colombi che anticipa il suo marcatore e in spaccata insacca. I biancoazzurri in questo modo ribaltano il risultato. Caronnese 1 – Sanremese 2. I padroni di casa tuttavia non ci stanno e Corno con una pregevole azione individuale in area, dopo due giri di lancette, trova l’immediato pareggio. Nulla da fare stavolta per Caruso. Al 18’ st Gatti toglie dal campo Silvestre e inserisce Taccogna, quindi la partita si accende all’improvviso ancora per merito di Demontis. Il numero 8 biancoazzurro al 21’ st con un altro tiro dalla media distanza fulmina il portiere di casa Matera. Con due reti e un assist l’ex centrocampista del Lanusei è di gran lunga il migliore in campo. Esplode la panchina biancoazzurra. Ascoli, a questo punto, rinforza la difesa, inserendo subito dopo il gol Bregliano al posto di Lo Bosco, e mettendo Spinosa al fianco di Colombi in attacco. La reazione della Caronnese è furiosa. Al 23’ st Caruso si esalta ancora deviando una conclusione dal limite di Porcino. Poi i ritmi calano vertiginosamente, anche per colpa del caldo e i biancoazzurri cercano di addormentare la gara con il palleggio. A dieci minuti dalla fine c’è spazio anche per Scalzi al posto di Spinosa. Quando tutto sembra ormai scritto, la Caronnese a due minuti dal termine trova il pareggio ancora con una zampata sotto misura di Corno, il migliore dei suoi. L’incontro si chiude così sul 3-3. La Sanremese che aveva sperato di iniziare la stagione col botto, deve alla fine accontentarsi di un solo punto. Appuntamento domenica prossima al Comunale di Sanremo per l’esordio interno con la Fezzanese.

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 28/08/2019.

La Sanremese Calcio comunica l’ingaggio del terzino sinistro, classe 2000, Antonio Gerace. Nato a Polistena, in provincia di Reggio Calabria, il 16 febbraio del 2000, Gerace è cresciuto nel settore giovanile del Carpi. L’anno scorso è stato in prestito prima al Modena e poi alla Virtus Castelfranco. Giocatore eclettico, dotato di una buona visione di gioco e di discreta tecnica, Gerace si allena col gruppo biancoazzurro già da qualche giorno, e sarà aggregato alla squadra in vista dell’esordio in campionato di domenica a Caronno.

                 Articolo pubblicato su RivieraSport.it  il 27/08/2019.

Sono stati ufficializzati gli accoppiamenti dei Trentaduesimi di finale di Coppa Italia di Serie D che si disputeranno il prossimo mercoledì 25 settembre 2019, con orario da definire. La Sanremese affronterà il Savona. Chi passerà il turno incontrerà la vincente di Chieri – Ligorna 1922.

                 Articolo pubblicato su RivieraSport.it  il 23/08/2019.

"Noi ci siamo e tu?" e "Facciamo squadra insieme!" sono i due slogan tormentone lanciati sulla rete e sui social da circa due mesi che promuovono la campagna abbonamenti della Sanremese Calcio per la stagione 2019/20 ormai alle porte. Il manifesto che riunisce in un’unica foto una coreografia della Gradinata con il simbolo del Leone, i tifosi e i calciatori biancoazzurri vuole rappresentare proprio questo: solo stando insieme si può raggiungere qualsiasi traguardo. Nel calcio, d’altra parte, l’unità di intenti è fondamentale, non è certo una novità. Questi sono i prezzi per la stagione 2019/20:

TRIBUNA CENTRALE NUMERATA € 250,00 ( ridotto € 180,00 )

TRIBUNA LATERALE € 170,00 € ( ridotto € 125,00 )

GRADINATA € 80,00 ( Prezzo Unico )

Hanno diritto alla riduzione, esibendo idonea documentazione (al momento della sottoscrizione dell’abbonamento), coloro i quali rientrano nelle seguenti fasce:

– Ragazzi dai 12 anni compiuti ai 18 anni da compiere;

– Tutte le donne;

– Gli over 65;

– Forze dell’ordine;

– Tifosera Organizzata, con regolare tessera di affiliazione in corso di validità;

 

– Genitori, Nonni e Fratelli di tesserati al settore giovanile del nostro team.

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 22/08/2019.

Con la presentazione di stamattina al Casinò della prima squadra, il lancio della Campagna Abbonamenti 2019/20 e la presentazione della 61° edizione del Torneo Carlin’s Boys la nuova stagione della Sanremese Calcio entra ufficialmente nel vivo. Tanti giornalisti e curiosi stamattina alle ore 12 hanno affollato la Sala Privata del Casinò di Sanremo per conoscere i nuovi giocatori, l’organigramma del club e tutte le novità sulle iniziative che la società ha messo in cantiere per i prossimi mesi. Sono intervenuti il consigliere comunale Giuseppe Faraldi, che ha portato i saluti dell’amministrazione e del Casinò, Marco Del Gratta in rappresentanza della proprietà, il Direttore Generale Pino Fava, e tutti i dirigenti biancoazzurri. Durante la conferenza stampa è stata presentata la nuova maglia da gioco della Robe di Kappa, utilizzata ieri sera durante il torneo di Taggia, che sarà messa in vendita entro la metà di settembre allo store della Sanremese presso lo Stadio Comunale. La maglia in tessuto speciale è stata realizzata in esclusiva per la Sanremese, è di un azzurro più vivo rispetto a quella della scorsa stagione e nelle trame, sul fianco destro, ha il simbolo stilizzato della nostra città. Successivamente verranno realizzate, presentate e commercializzate anche le maglie da trasferta. La Sanremese riprenderà la preparazione domani pomeriggio a Santo Stefano dove si allenerà anche sabato pomeriggio. Domenica mattina, alle 10.30, sempre sul sintetico del Colombera è in programma un test amichevole con la Juniores.

                        ( Cliccare sulle fotografie per ingrandirle )

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 21/08/2019.

La Sanremese ha vinto il Trofeo Uno Gas “7° Coppa Città di Taggia”, al termine del triangolare con Taggia e Albenga che si è disputato ieri sera al campo Marzocchini di Taggia. I ragazzi di mister Ascoli hanno battuto per 2-0 il Taggia (reti di Colombi al 15′ e di Scalzi al 18′), mentre contro l’Albenga si sono imposti ai rigori per 5-4, dopo che il tempo unico di 45′ era terminato sull’1-1, in virtù dei gol di Scalzi al 5′ e di Di Salvatore al 33′. Anche la prima partita tra Taggia e Albenga, chiusa sullo 0-0, è stata decisa ai rigori e dal dischetto l’Albenga ha prevalso per 5-4. Al termine del triangolare il capitano Max Taddei è stato premiato con la Coppa Città di Taggia, trofeo Uno Gas. Il tecnico della Sanremese Nicola Ascoli, nel dopo gara, si è detto soddisfatto dei progressi della sua squadra.

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 19/08/2019.

La Sanremese Calcio comunica che si svolgerà giovedì prossimo 22 agosto 2019 nella Sala Privata del Casinò di Sanremo, alle ore 12, la presentazione ufficiale della squadra biancoazzurra e dello staff tecnico alla città, ai tifosi e alla stampa. Nell’occasione verrà lanciata anche la campagna abbonamenti per la stagione 2019/20 ormai alle porte e verrà presentata anche la 61° edizione del Torneo Internazionale di calcio giovanile Carlin’s Boys. La cittadinanza, i tifosi e i giornalisti sono invitati a partecipare.

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 13/08/2019.

La Sanremese Calcio comunica di aver raggiunto un accordo con l’U.S. Alessandria Calcio per assicurarsi le prestazioni sportive, in prestito fino al termine della stagione, del difensore di fascia Lorenzo Maggi. Nato il 1 febbraio del 2001, Maggi è cresciuto nelle giovanili dell’Alessandria e finora ha svolto tutta la preparazione con la prima squadra, agli ordini di mister Cristiano Scazzola. Tre anni fa è stato girato in prestito in Eccellenza nelle fila della Valenzana Mado. Destro naturale, all’occorrenza può giocare anche da terzino sinistro, e si fa apprezzare per le doti di spinta in appoggio alla manovra.

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 09/08/2019.

Definiti i raggruppamenti della serie D questo pomeriggio nella sede della Lega Nazionale Dilettanti a Roma. La Sanremese Calcio è stata inserita nel girone A con compagini liguri, piemontesi, lombarde e toscane. Questo l’elenco delle avversarie dei biancoazzurri: Borgosesia, Bra, Caronnese, Casale, Chieri, Fezzanese, Fossano, Ghivizzano, Lavagnese, Ligorna, Lucchese, Prato, Real Forte Querceta, Savona, Seravezza, Vado, Verbania. Il campionato inizierà, salvo imprevisti, il 1° settembre. Tra qualche giorno verrà diramato il calendario.

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 06/08/2019.

Il ritiro, in vista della nuova stagione 2019/20, per la Sanremese è cominciato sotto i migliori auspici. Ottima come sempre l’accoglienza presso l’Albergo Ristorante Payarin, così come in splendide condizioni si è presentato il manto erboso del campo sportivo “Danilo Balbis” dove nel pomeriggio si è svolto il primo allenamento. Agli ordini di mister Nicola Ascoli e del suo staff, sotto gli occhi vigili del preparatore atletico Francalberto Garofalo, i biancoazzurri hanno svolto una seduta di un paio di ore, dedicata sia all’ossigenazione dei muscoli, sia ad esercitazioni sulla tecnica di base. L’allenamento si è concluso con una partitella mista a campo ridotto. Hanno lavorato a parte Rizzo e Spinosa, mentre è rientrato in gruppo Fenati. Da domani sono previste doppie sedute giornaliere. Al mattino si lavorerà sulla forza e sulle lunghe distanze, per mettere benzina nelle gambe, mentre nel pomeriggio si punterà sulla tecnica e sulla tattica. Per il momento, in questi giorni, non sono previste amichevoli. Più probabile un test, invece, il 13 agosto in notturna al Comunale, alla fine della settimana di ritiro. L’avversario sarà ufficializzato a breve.

            Articolo pubblicato su SanremeseCalcio.it  il 05/08/2019.

La Sanremese Calcio comunica l’elenco dei convocati che a partire da domani mattina, 6 agosto 2019, e fino a martedì 13 agosto, sarà a disposizione del mister Nicola Ascoli e del suo staff per il ritiro estivo di Ormea, in provincia di Cuneo:

Portieri:

Simone Caruso (1999), Andrea Morelli (1999), Michele Brizio (2001).

Difensori:

Andrea Rizzo (2001), Klajdi Pici (2001), Alessandro Manes, Alex Gagliardini, Simone Bregliano, Michele Scarella (2001), Thomas Buccino (2002)

Centrocampisti:

Max Taddei, Marco Spinosa, Andrea Demontis, Giovanni Fenati, Gaetano Bellanca (2000), Mateo Likaxhiu (2000), Niccolò Martini (2001)

Attaccanti:

Matteo Colombi, Domenico Vitiello, Filippo Scalzi, Loreto Lo Bosco, Paolo Calderone (2001), Francesco Pellicanò (2002)

 

La squadra si ritroverà domani mattina alle 9.45 allo Stadio Comunale. La partenza è fissata per le ore 10. La Sanremese alloggerà presso l’Albergo Ristorante Payarin ed effettuerà doppie sedute quotidiane presso il campo sportivo “Danilo Balbis” di Ormea. Eventuali amichevoli saranno comunicate successivamente.